SVN logo

Vendée Globe: Dalin verso l’arrivo, peseranno gli abbuoni

Il Vendée Globe potrebbe decidersi con gli abbuoni maturati dopo il recupero di Escoffier, Herrmann e Bestaven osservati speciali

Torqeedo
ADV
Basta guardare la cartografia dell’arrivo di questo Vendée Globe per rendersi conto di quanto quest’edizione, indipendentemente da chi vincerà, sia stata straordinaria.

Cinque barche dentro il Golfo di Biscaglia, che viaggiano tutte tra i 18 e gli oltre 20 nodi, tutte con lo stesso obiettivo: vincere il Vendée Globe, la regata più dura che ci sia, il giro del mondo senza scalo e senza assistenza.

Charlie Dalin, Boris Herrmann, Louis Burton, Thomas Ruyant e Yannick Bestaven, tra questi cinque velisti c’è il vincitore del Vendée Globe, ma servono ancora alcune ore di attesa per sapere chi sarà.

Partiamo dalla classifica provvisoria e andiamo con ordine: Charlie Dalin è primo, a 140 miglia dal traguardo, con 70 miglia di vantaggio su Boris Herrmann, terzo, che però ha 6 ore nette di abbuono sul tempo che farà segnare al traguardo, assegnate dalla direzione di regata dopo i fatti di PRB.

Al secondo posto staccato di 60 miglia c’è Burton, che però non vanta alcun abbuono e appare difficile che riesca a superare Dalin in volata, anche se ci proverà.

Quarto e staccato di 155 miglia è Thomas Ruyant. Quinto, con 182 miglia di ritardo, è Yannick Bestaven che però vanta 10 ore e 15 minuti di abbuono ed è quindi in piena lotta per la vittoria.

Dietro di loro arriva fortissimo anche Giancarlo Pedote, impegnato a spingere al massimo la sua Prysmian per avere la meglio su un indomabile Damien Seguin.

Segue Jean Le Cam più staccato, ma che con le sue 16 ore di abbuono è al momento virtualmente davanti a Pedote.

Insomma un finale così il Vendée Globe, tra arrivi in volata e abbuoni da calcolare, non lo aveva mai vissuto. Sarà anche stato un Vendée più lento rispetto alle ultime due edizioni, ma le emozioni, lo spettacolo, i duelli e le storie umane e sportive non sono affatto mancate. Tra poche ore sapremo chi avrà vinto l’edizione più pazza di questo mitico giro del mondo.

© Riproduzione riservata