venerdì 1 marzo 2024
  aggiornamenti

Guida completa con Video: Categorie CE, Immatricolazione e Patente Nautica in barca a vela

La classificazione delle unità da diporto
La classificazione delle unità da diporto

Burocrazia in barca a vela? Ecco cosa devi sapere! Un articolo per capire quando serve l'immatricolazione e la patente nautica.

Quando navighiamo in barca, attività da sempre collegata all’idea di libertà assoluta, se c’è una cosa che può risultare tediosa è la burocrazia.

Per quanto fastidiosa, anche in barca a vela le norme e la burocrazia sono necessarie a regolamentare la navigazione in mare e per classificare le varie unità adibite al diporto. Conoscere le norme serve a essere consapevoli dell’attività che stiamo svolgendo, oltre che evitare spiacevoli imprevisti.

Perché alcune barche hanno le targhe e altre no? Perché a volte sono targate anche le barche sotto i 10 metri?

Domande come queste sono collegate alla normativa, e vi risponderemo scoprendo che alla fine le leggi in vigore che riguardano la classificazione delle barche sono relativamente semplici, o comunque più facili da comprendere di quanto non si possa immaginare.

La classificazione delle barche da diporto si basa su due criteri, la lunghezza, che è una discriminante per l’immatricolazione, e la categoria, che serve a stabilire in quali condizioni meteo la barca può navigare.

Dove la lunghezza presa in considerazione è quello di progetto, ovvero, generalmente, la lunghezza dello scafo al netto di appendici qual

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Registrati per leggere l'articolo integrale.

Login

Se sei già registrato fai il login per leggere l'articolo.
More than 100+ articles.

Registrati

Registrati per leggere i contenuti riservati ai nostri abbonati.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

CATEGORIE ARTICOLI