SVN logo

Emergenza in mare, tre bambini avvelenati su di una barca a vela

Nel Mar del Nord, i genitori di tre bambini per sbaglio avvelenano i figli, salvati da una motovedetta

Abbonamenti SVN
ADV
Isola di Borkum (Germania) - I genitori di tre ragazzi, un bambino di dieci anni, una bimba di otto e una di sei, in navigazione tra l’Isola di Borkum e quella di Norderney nel Mar del Nord, hanno dovuto chiedere soccorso per salvare i propri figli che davano evidenti segni di avvelenamento.

Lanciato l’allarme, sono stati raggiunti da una motovedetta della Brema Rescue DGzRS con a bordo un medico che ha soccorso i tre ragazzi.

Il più grande, il bambino di dieci anni e la bimba di otto erano caduti in un sonno profondo e quando i genitori hanno cercato di svegliarli hanno mostrato evidenti segni di perdita di coscienza, mentre la bambina più piccola è stata presa da convulsioni e tremori.

La madre e i tre figli sono stati imbarcati sulla motovedetta mentre il padre ha portato la barca di nuovo in porto.

In banchina le ambulanze hanno preso in consegna i ragazzi e li hanno portati di urgenza in ospedale dove hanno riscontrato un avvelenamento da farmaci.

La madre per errore, o perché convinta che fosse la cosa giusta da fare, ha somministrato ai figli medicinali per il mal di mare destinati agli adulti.