sabato 22 giugno 2024
  aggiornamenti

The Ocean Race: il video del disalberamento di Guyot

In diretta dall’Oceano Atlantico, l’equipaggio di Guyot ha raccontato i minuti successivi al disalberamento e l’inizio delle operazioni per mettere in sicurezza la barca [VIDEO]

The Ocean Race: il video del disalberamento di Guyot
The Ocean Race: il video del disalberamento di Guyot
Pardo Pardo Pardo
PUBBLICITÀ

Le regate oceaniche oggi sono diventate quasi un “Grande Fratello” della vela, dato che riceviamo in tempo reale gli aggiornamenti dai team in gara da ogni angolo del globo. La The Ocean Race nella sua storia è stata pioniera in questo senso, essendo stata una delle prime regate a puntare molto sulla comunicazione multimediale.

In questo video girato a bordo di Guyot vengono ripresi i minuti immediatamente successivi al disalberamento dell’Imoca 60 durante la quarta tappa da Itajai a Newport, con l’equipaggio impegnato a mettere in sicurezza la barca.

L’incidente è avvenuto con vento forte, tra i 40 e i 50 nodi e mare molto formato, in queste condizioni la prima preoccupazione dell’equipaggio è stata quella di evitare che i pezzi d’albero, sbattendo contro lo scafo, aprissero una via d’acqua.

Salpare velocemente i monconi dell’albero a bordo però è un’operazione tutt’altro che facile: all’albero sono attaccate le drizze, che nel caso degli Imoca 60 sono almeno 7-8, oltre agli eventuali collegamenti elettrici. Le vele sono in acqua insieme alle scotte, a rendere l’operazione ancora più complessa

Nel video di bordo si discute dell’eventualità di tagliare o meno la randa per favorire le operazioni di recupero, perché la vela essendo ancora collegata alla drizza non è semplice da recuperare.

Alcuni pezzi dell’albero vengono tagliati con uno strumento apposito per rendere le operazioni più agevoli.

L’operazione ha richiesto complessivamente circa 6 ore di lavoro da parte di tutto l’equipaggio, un’impresa fisicamente molto pesante. Guyot cercherà di raggiungere più velocemente possibile la costa a motore, per quantificare eventuali danni alla barca e studiare la possibilità di installare un nuovo albero per la partenza della quinta tappa.

Robert Stanjek e Benjamin Dutreux, dall’equipaggio di Guyot, hanno dichiarato: "Pensavamo di gestire bene la situazione. C'è stato un impatto particolare su un’onda e l'albero si si è rotto. È successo così in fretta, stavamo navigando con venti sui 40-50 nodi, ma non stavamo correndo rischi, onestamente, io ho visto di peggio! Dobbiamo lavorare su un piano per tornare in regata, ma il primo passo è portare la barca in un porto e valutare i danni. Faremo del nostro meglio per tornare in corsa, ma è difficile dire in questo momento quando sarà possibile”.

Nel frattempo la regata va avanti con 11th Hour Racing in testa a 80 miglia dal traguardo e Team Malizia staccato appena di 8 miglia, un arrivo che si annuncia avvincente.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
NSS Charter NSS Charter NSS Charter
PUBBLICITÀ