SVN logo
SVN solovelanet
mercoledì 25 novembre 2020

Rocambolesco sequestro di droga ai Caraibi

La dogana francese intercetta un IMOCA 60, lo vuole perquisire, ma la barca stranamente ava a fuoco

Abbonamenti SVN
ADV
San Martin (Caraibi) – La motovedetta della dogana francese dell’Isola San Martin ai Caraibi aveva tenuto sott’occhio l’IMOCA 60 “77” del 1996 per diverse ore e alla fine, convinti che sulla quella barca stesse accadendo qualche cosa di poco chiaro l’hanno intercettata.

Il mare mosso non ha permesso l’accosto del mezzo militare all’ex barca della Vandè Globe, cos’ i doganieri hanno chiesto all’equipaggio che sembrava particolarmente e sospettosamente disponibile di seguirli sino a Sant Martin.

Fatte poche miglia avanzano in fila indiana a poche centinaia di metri di distanza tra le onde oceaniche, i doganieri hanno visto delle fiamme uscire dall’IMOCA e hanno capito immediatamente.

Nel frattempo di due canadesi a bordo della barca a vela aveva gettato in mare l’autogonfiabile e avevano cercato di allontanarsi dalla barca. I doganieri molto rapidamente hanno salvato i due naufraghi mettendogli le manette non appena questi sono saliti sul ponte e subito dopo con le pompe di bordo hanno spento l’incendio che non è riuscito a nascondere quello che i canadesi non volevano che i doganieri trovassero, una tonnellata e mezza di cocaina.

Il carico così recuperato si va ad aggiungere alle altre 82 tonnellate di stupefacenti sequestrati quest’anno dalla polizia doganale dei territori d’oltremare francesi.