SVN logo

Excess vince un premio alla cooperazione al Mets insieme a Torqueedo e ZF

Le tre aziende, hanno realizzato insieme un sistema di propulsione elettrica per un catamarano Excess suscitando l’interesse della giuria del Mets.

SailItalia
ADV
Il primo passo di Groupe Beneteau nel futuro della propulsione marina è una soluzione collaborativa tra il marchio Excess, Torqeedo e ZF. Collaborazione che è stata premiata con un Boat Builder Award durante METSTRADE, il salone riservato agli operatori e dedicato gli accessori nautici.

L'E'Lab, un Excess 15 con Deep Blue Hybrid, è stato nominato nella categoria "Soluzione collaborativa tra il costruttore di barche e il suo partner della catena di fornitura". Questo prestigioso premio riconosce i costruttori di barche e i partner della catena di fornitura che hanno collaborato per sviluppare una soluzione particolare per una sfida di progettazione, un'innovazione o un miglioramento dell'efficienza del prodotto finale.

Le tre società hanno lavorato insieme per realizzare la prima installazione dei nuovi saildrive Deep Blue 50 kW di Torqeedo e ZF su un catamarano Excess 15. Questo progetto fa parte di una strategia globale del Groupe Beneteau, che sta attualmente intraprendendo progetti di motori ibridi e completamente elettrici su un'ampia varietà di marchi e imbarcazioni, nel tentativo di ridurre ulteriormente l'impronta di carbonio del marchio.

Progetti che cambiano l'industria in questo modo non possono avere successo senza che tutti i partner condividano un impegno comune. ZF e Torqeedo hanno iniziato la partnership sviluppando insieme il saildrive Deep Blue da 50 kW come parte dell'architettura complessiva del sistema Deep Blue.

"Fin dall'inizio, c'è stata una buona sintonia strategica tra le due aziende", ha detto Massimiliano Cotterchio, responsabile vendite e marketing di ZF Padova. "Torqeedo ha portato una vasta esperienza sul lato elettrico e, combinata con la nostra esperienza meccanica e 20 anni di esperienza di mercato nei saildrive, ha portato a un prodotto di grande successo".

Quando, poi, è arrivato il cantiere Excess aderendo al nostro progetto, siamo passati alla fase operativa. La partnership ha goduto del pieno sostegno dei team di ingegneria, produzione e gestione del prodotto di tutte e tre le aziende. Lo yacht è stato ampiamente testato e continua ad essere ottimizzato quasi quotidianamente - l'Excess 15 è un laboratorio vivente, un modello di soluzione collaborativa e un assaggio di quello che verrà.

"Questo è il primo passo", ha detto Thibaut de Montvalon, Excess Brand Director. "Il piano è quello di sviluppare una gamma completa di soluzioni a seconda delle dimensioni della barca, per diversi modelli con motori e attrezzature Torqeedo".

A bordo dell'Excess 15 con Deep Blue Hybrid, i proprietari godono di tutti i lussi di bordo senza il rumore e i fumi di un motore che gira. La configurazione istallata sull’Excess 15 consiste in due saildrive elettrici Deep Blue da 50 kW sviluppati in collaborazione con ZF, due batterie agli ioni di litio Deep Blue ad alta capacità e un sistema completo di gestione dell'energia per gestire la creazione di energia e la sua distribuzione.

Quando si prova la barca non è facile capire la differenza tra quando si va a motore e quando a vela. Con i motori elettrici funzionanti il silenzio è comunque paragonabile a quello che si ha quando si naviga a vela.
Anche in fase di manovra, i due saildrive elettrici apportano una maggiore manovrabilità anche in spazi ristretti.

Quando l barca è sotto vela il sistema Deep Blu utilizza le eliche dei due motori lasciate girare a folle come generatori di energia per ricaricare le batterie creando così un circolo virtuoso che abbassa notevolmente i consumi di energia generata da fonti non rinnovabili. Durante le prove il sistema è riuscito a generare abbastanza energia per alimentare tutte le utenze servizi inclusa l’aria condizionata.

Le batterie della barca possono, naturalmente, essere ricaricate anche da rete di banchina, o dagli alternatori dei due motori termici comunque presenti a bordo per lunghe navigazioni che andrebbero oltre la capacità del banco batterie.



© Riproduzione riservata