SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 30 novembre 2020

Sibello d'argento, Sensini di bronzo

Si chiude con due medagli per la flotta azzurra la competizione spagnola utile per le selezioni di Londra 2012. Bene anche Negri-Voltolini, quarti in classe Star

Abbonamenti SVN
ADV
Palma di Maiorca – Si è concluso con la medal race di sabato il Trofeo Sar Princesa Sofia, evento interamente dedicato alle derive olimpiche che si è disputato per tutta la scorsa settimana nelle acque di Palma di Maiorca. Il campo di regata spagnolo si è rivelato generoso di vento per tutto il corso della competizione, terminata con due medaglie per la flotta azzurra. I fratelli Sibello hanno conquistato l'argento tra gli acrobatici 49er, mentre in classe Rs:x il bronzo è andato ad Alessandra Sensini.
Per la coppia d'Alassio si è trattato di un evento disputato sempre su alti livelli e concluso con un quarto posto in medal race. Piazzamento che li ha portati a concludere la propria fatica con sei punti di ritardo sui francesi Dyen-Christidis e addirittura trentanove di vantaggio sui terzi, gli austriaci Della Karth-Resch. Alessandra Sensini, invece, con un ottimo terzo posto in medal race ha ribaltato una situazione di classifica sfavorevole, salendo dal quinto al terzo gradino della classifica generale. A discapito proprio di Laura Linares, fuori dal podio dopo una medal race sfortunata, rovinata da una partenza anticipata.
In classe Star, dolceamaro quarto posto per Negri-Voltolini. Se, infatti, gli azzurri possono definirsi delusi per essere scesi dal podio proprio dopo la medal race, conclusa con un settimo piazzamento, dall'altro lato possono ritenersi rinfrancati per essere stati di gran lunga il migliore equipaggio italiano. Non poco in una regata valida come selezione per le Olimpiadi di Londra 2012. Tra gli altri azzurri, infatti, soltanto Bruni-Rocca sono riusciti a raggiungere la medal race, chiudendo la competizione al nono posto. Oro invece per gli inglesi Percy-Simpson.
Nelle altre classi, Giulia Conti e Giovanna Micol hanno chiuso al settimo posto nel 470 femminile, Zandonà-Zucchetti al decimo in quella maschile. Fuori dalla medal race tutti gli altri. Dodicesimo Michele Paoletti in classe Finn, in cui ha dominato Ben Ainslie; sedicesimo invece Fabian Heidegger nell'Rs:x maschile.