SVN logo
SVN solovelanet
mercoledì 25 novembre 2020

La Golden Globe Race 2018 secondo Francesco Cappelletti

L’unico italiano a tentare la Golden Globe racconta la sua non regata

Abbonamenti SVN
ADV
Molti di voi ricorderanno Francesco Cappelletti, l’unico italiano che nel 2018 ha tentato di portare la sua sfida alla Golden Globe Race a cinquant’anni dalla prima edizione del 1968, quella di Bernard Moitessier, Alex Carozzo e del tragico Donald Crowhurst; la regata che ci ha fatto sognare da bambini leggendo i primi libri di vela.

Solovelanet aveva a suo tempo seguito la presentazione dell’impresa al pubblico romano tenutasi a Civitavecchia il 27 gennaio 2018 presso lo YC di Riva di Traiano, e documentato la partenza da Les Sables-d’Olonne (Francia) il 21 luglio 2018 quando lo skipper italiano è partito fuori regata per seguire la stessa rotta della regata, per la quale era stato purtroppo pronto fuori tempo massimo.

Cappelletti aveva suscitato molte simpatie iniziali, ma anche qualche alzata di sopracciglio da chi gli rimproverava una preparazione un po’ pressappochistica, nonché motivazioni di abbandono non proprio trasparenti (è risaputo che in Italia i marinai da banchina poco perdonano a chi va veramente per mare…).

Bene, è venuta per Francesco l’opportunità di raccontare definitivamente a tutti la propria versione dei fatti, con il docufilm “30.000 miglia al traguardo”, che sarà presentato in prima nazionale lunedì 16 Marzo 2020 alle ore 18.45 presso la Multisala Barberini di Roma.

Il lungometraggio racconta il suo vissuto nel ripercorrere – fuori regata - il mitico giro del mondo, senza scalo, senza assistenza e senza tecnologie, ma anche i colpi di scena che si sono susseguiti nei frenetici preparativi per arrivare in tempo alla linea di partenza, la personale tensione tra la vita privata e il desiderio di raggiungere il sogno di navigare nei mari più remoti.

Francesco, solo in mare aperto, vive momenti di introspezione, rischi e difficoltà inaspettate.

Il documentario promette di narrare tutti i retroscena della preparazione di uno dei 18 concorrenti internazionali che hanno preso parte alla Golden Globe 2018 e le vicissitudini che il velista in solitario deve affrontare durante la navigazione.

Una storia umana, oltre che sportiva.