SVN logo
SVN solovelanet
venerdì 27 novembre 2020

Tre incidenti in mare in un giorno

Ben tre incidenti ieri hanno visto morire cinque sub e scattare l’allarme per un sesto successivamente ritrovato

Abbonamenti SVN
ADV
Salerno – Ieri nella grotta di capo Palinuro 4 sommozzatori di Roma, tre uomini e una donna, hanno perso la vita. Un gruppo di otto sommozzatori era entrato nella grotta per visitarla. A un certo punto la visibilità è scesa a zero. Del gruppo, 5 sommozzatori sono riusciti a tornare in superficie e dare l’allarme. Intervenuti i sommozzatori dei vigili del fuoco, hanno da prima recuperato i corpi di due uomini e una donna, per poi riuscire a riportare in superficie anche il corpo del quarto uomo. Un'inchiesta sta cercando di appurare quale sia stata l’effettiva dinamica dell’incidente.

Oltre alle quattro morti in grotta, ieri il mondo della subacquea ha registrato altri due incidenti. Un uomo di settanta anni è morto a Capri durante un'immersione con un diving. L’uomo che si è sentito male, è stato subito soccorso da un istruttore che però ha avuto anche lui problemi e successivamente è stato ricoverato. Il settantenne è morto poco dopo il ricovero all'ospedale Capilupi sull'isola di Capri.

Sempre ieri, in mattinata è scattato l’allarme per un sub, disperso di fronte alle coste di Stintino in Sardegna. Un ragazzo di 27 anni, Francesco Leone di Sassari, era sceso con un amico ma non era più riemerso e l’amico aveva attivato i soccorsi. Francesco Leone è stato, fortunatamente ritrovato la sera dalla Capitaneria di Porto lontano dal punto dell’immersione. Il ragazzo aveva perso l’orientamento ed era riemerso lontano dall’amico, a quel punto incapace di determinare la sua posizione aveva nuotato in senso contrario al luogo di provenienza. Al momento del ritrovamento Francesco Leone era stremato per le tante ore passate in acqua ed è stato accompagnato al pronto soccorso da dove lo hanno dimesso subito giudicandolo in buone condizioni fisiche anche se molto provato dall’esperienza.