MarineCork
ADVERTISEMENT
MarineCork
ADVERTISEMENT
domenica 22 maggio 2022
MarineCork
  breaking news

Messaggio in una bottiglia ritrovato dopo 25 anni in Norvegia

Un messaggio chiuso in una bottiglia è stato ritrovato da una ragazza norvegese che è riuscita a contattare chi lo aveva affidato al mare 25 anni prima.

Messaggio in una bottiglia ritrovato dopo 25 anni in Norvegia
Messaggio in una bottiglia ritrovato dopo 25 anni in Norvegia

Forse tutti gli amanti del mare almeno una volta hanno pensato di affidare all’immensità del blu un messaggio in una bottiglia, con la speranza che qualcuno, magari dall’altra parte del mondo, un giorno lo leggesse.

Non sappiamo quante miglia abbia fatto di preciso la bottiglia protagonista di questa storia che ieri, con il suo messaggio, si è guadagnata le pagine della BBC.

Una bottiglia che è rimasta in mare per 25 anni, “navigando” tra la Scozia e la Norvegia.

Una donna scozzese di 33 anni, Joanna Buchan, non poteva immaginare che, controllando i vecchi messaggi su Messenger, avrebbe trovato, risalente ai mesi precedenti, anche quello di una ragazza norvegese, Elena Andreassen Haga.

Il biglietto contenuto nella bottiglia ritrovata sulla battigia di una spiaggia norvegese dopo 25 anni
Il biglietto contenuto nella bottiglia ritrovata sulla battigia di una spiaggia norvegese dopo 25 anni

Il messaggio diceva semplicemente: “Ciao Joanna. Ti sembrerà un po’ strano, ma abbiamo trovato un messaggio in una bottiglia scritto da Joanna Buchan nel 1996, c’è qualche possibilità che possa essere tu”?

Era proprio lei la bambina che all’età di poco più di 8 anni, per un progetto scolastico, aveva scritto un messaggio da chiudere in una bottiglia e donare al mare.

La bottiglia era stata affidata al mare nel 1996 a Peterhead, in Scozia, ed è stata ritrovata sull’isola di Gåsvær nel nord della Norvegia l’estate scorsa.

Elena Andreassen aveva provato subito a contattare Joanna, ma il messaggio era rimasto nel dimenticatoio dei “non letti” di Messenger, nascosto con la storia della sua bottiglia in un suggestivo incrocio tra messaggi su carta che hanno attraversato per anni l’Oceano e quelli digitali, che il mondo si scambia oggi.

Nel testo, la piccola Joanna raccontava uno scorcio della sua vita, parlando del suo cane, della sua migliore amica e della famiglia, e concludendo con una frase al “vetriolo” per i suoi compagni di scuola maschi: “Odio i ragazzi”!

© Riproduzione riservata

DINI-UbiM DINI-UbiM DINI-UbiM
ADVERTISEMENT
DufourCatCH DufourCatCH DufourCatCH
ADVERTISEMENT
Romeo Romeo Romeo
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

CATEGORIE ARTICOLI