sabato 15 giugno 2024
  aggiornamenti

Normandy Channel Race: Beccaria mette tutti in fila

Vittoria netta di Beccaria alla Normandy Channel Race, ottimo sesto posto per Bona, l’Italia dei Class 40 diventa grande

Normandy Channel Race: Beccaria mette tutti in fila
Normandy Channel Race: Beccaria mette tutti in fila
SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER
GUIDE DI CHARTER

La vela italiana sta diventando grande in Oceano, grazie anche agli skipper impegnati nei Class 40 che continuano a raccogliere risultati importanti. Ambrogio Beccaria su Allagrande Pirelli, in coppia con Kevin Bloch, ha vinto la Normandy Channel Race davanti a Credit Mutuel di Ian Lipinski, regata di 1000 miglia tra la Francia e l’Irlanda con partenza e arrivo a Caen.

Nella stessa prova Alberto Bona su IBSA ha chiuso in sesta posizione, confermandosi anche lui come uno degli skipper più forti che ci siano tra i Class 40 insieme a Beccaria.

La Normandy Channel Race non è una corsa banale, ma piuttosto tecnica: con i suoi passaggi dell’Isola di Wight e del Fastnet, tra gli altri del percorso, ha impegnato i 30 Class 40 in regata in una navigazione complessa, tra correnti e vento forte soprattutto di bolina nel ritorno verso la Francia.

Vincerla per Ambrogio Beccaria significa tanto, perché in regata c’erano i migliori specialisti dei Class 40 e perché la sua barca, il Musa 40 tutto italiano, si sta confermando come una delle più veloci della flotta.

Beccarria all’arrivo: “Alla partenza abbiamo avuto subito qualche problema di manovra perché una cima si è incastrata nel rollafiocco del FR0 [vela di prua, nrd] e abbiamo rallentato un po’. Al passaggio dell’Isola di Wight la barca ha cominciato a andare come un treno…li abbiamo passati tutti e abbiamo avuto la conferma che ‘Alla Grande – Pirelli’ è la barca più veloce della flotta. Però ci siamo resi conto che questa è davvero una regata in cui può succedere di tutto, abbiamo visto varie barche ritirarsi alle ultime boe. Oltre alla rimonta della Cornovaglia c’è stato un altro momento clou che è quello che ci ha dato il grande distacco dagli inseguitori ed è stato l’aver sfruttato l’effetto termico del vento nelle baie in Irlanda: siamo andati molto più sotto costa di tutti gli altri e abbiamo avuto così molto più vento e molto più vento favorevole. Il ritorno è stato più un controllo della situazione fino al Fastnet, ma poi l’ultima navigazione nella Manica con le correnti e 35 nodi di vento è stata la parte più’ ‘calda’ della regata, anche perché abbiamo esploso il j2 e ho pensato che la regata fosse finita. Da lì in poi quindi abbiamo dovuto usare con enorme cautela il j1 con una mano. Non è stato facile e avevamo il terrore di spaccare anche quello: ogni volta che sbattevamo su un’onda mandavo tanti baci alla vela perché è stata davvero... un’eroina!”.

La stagione 2023 dei Class 40 prevede quasi tutte regate in doppio o in equipaggio, dopo la Normandy Channel Race arriverà il Fastnet, ma l’obiettivo finale di quest’anno è la Transat Jacques Vabre che partirà il 29 ottobre da Le Havre e dove tra i Class 40 ci sarà la presenza di almeno 4 italiani: Ambrogio Beccaria, Alberto Bona, Andrea Fornaro e Alberto Riva.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
NSS Charter NSS Charter NSS Charter
PUBBLICITÀ