SVN logo
SVN solovelanet
venerdì 27 novembre 2020

Un grande Pedote combatte strenuamente

Giancarlo Pedote ha conquistato e poi perso la 10° posizione, ma è determinato a salire ancora in classifica

Abbonamenti SVN
ADV
Atlantico centrale – Mancano 1750 miglia all’arrivo e le carte sono ancora tutte da giocare per Giancarlo Pedote alla Route du Rhum partita lo scorso 2 novembre da Saint Malo – destination Guadalupa. Dopo gli incidenti subiti nei primi giorni di regata, periodo in cui Giancarlo è sprofondato nella parte bassa della classifica per poter avere il tempo da dedicare alle riparazioni, il fiorentino è ripartito e ha iniziato a conquistare posizione su posizione.

Per un paio di giorni si è posizionato tra la 16esima e la 17esima posizione, ma quando già tutti lo collocavano fermo in quella parte della classifica, Giancarlo ha stupito e, come se avesse messo una marcia in più, ha ricominciato a prendere posizioni.

Martedì sera il navigatore italiano ha inviato questo messaggio: "Finalmente siamo nell'aliseo… via la cerata e gli strati termici! Il passaggio di Finisterre è stato pericoloso a causa di un'avaria dell'AIS. In quei momenti pensavo a Ungaretti, ai 'suoi' Soldati, e mi ripetevo 'Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie...".

Giancarlo Pedote come Andrea Mura, ha deciso di fare una sua rotta e uscire dal mazzo. Come sempre avviene in queste cose, basta un nulla, un piccolo errore di calcolo e ci si ritrova impantanati come sta succedendo a Mura, ma basta anche un nulla, la giusta intuizione e si conquistano posizioni, come sta accadendo a Giancarlo. Lo skipper ha scelto di scendere più a sud degli altri e questo lo ha premiato con arie più robuste che lo stanno facendo camminare tra i 10 e i 13 nodi.

Anche in quest’occasione Pedote sta dimostrando una determinazione e una professionalità fuori dal comune.

Andrea Mura – Se Pedote sta migliorando in classifica più di quanto ci si aspettasse e questo suscita entusiasmo, Andrea si trova nella scomoda posizione di essere quello che tutti ormai reputavano, o volevano reputare, il vincitore, e che ora si trova secondo.

Se ci si ferma a riflettere un attimo, se Andrea riuscisse a tenere la posizione e piazzarsi secondo, sul suo Palmare ci sarebbe scritto Route du Rhum 2010, primo, Route du Rhum 2014, secondo e non sono molti al mondo che possono vantarsi di queste due righe sul proprio palmares.

Andrea sta pagando uno sbaglio che con il senno del poi è facile da capire, ma che alla partenza lo era molto di meno, quello di scegliere una rotta più a ovest, probabilmente per tirarsi fuori dalle forti perturbazioni che interessavano in quel momento la rotta più sotto costa. Oggi quella rotta più a ovest lo ha portato ai margini di un anticiclone che determina condizioni di poco vento.

La distanza tra lui e la Anne Caseneuve orami è di circa 400 miglia ed è destinata ad aumentare sin tanto che Andrea non riuscirà ad agganciare anche lui il flusso degli Alisei di cui sta godendo la Caseneuve.

La battaglia ora è per il secondo posto e non è una battaglia semplice.

Alessandro di Benedetto – In classe IMOCA nella quale troviamo il nostro Alessandro di Benedetto, tutto è immobile, sembra come se qualcuno avesse scattato una fotografia e l’avesse messa al posto della classifica. Non c’è nessuno che sale o che scende, Gabart è primo, Di Benedetto sesto tra i due gli stessi skipper nelle stesse posizioni.