SVN logo

Salvando Valentina

Una balena viene liberata dalle reti dei pescatori, incredibile la sua danza di ringraziamento

Abbonamenti SVN
ADV
Golfo della California, Messico – Il salvataggio di Valentina, una megattera di circa 8 metri di lunghezza, avviene nel 2011. Michael Fishbach, in una calda giornata d’estate nell’ambito della sua attività di fotografo e ricercatore per il Great Whale Conservancy, esce in mare con una piccola barca insieme alla famiglia e a un amico.

Dopo un po’ qualcuno a bordo avvista una strana sagoma a pelo d’acqua, Michael capisce subito che si tratta di una balena, una megattera per la precisione, un animale che l’uomo è abituato a vedere durante le sue ricerche. Quell’esemplare però ha qualche cosa di particolare: sembra essere morto.

L’animale non si muove, non respira e solo dopo diversi minuti che la barca si è fermata al suo fianco emette un respiro, facendo sussultare tutti i membri dell’equipaggio.

Michael nota che attaccate alle pinne del cetaceo ci sono dei lunghi strascichi di reti da pesca e così decide di scendere in acqua per capire meglio la situazione.

In acqua si rende conto che la balena è imprigionata tra le reti e non ha alcuna possibilità di movimento. A bordo del natante c’è solo un piccolo coltello con il quale non è semplice liberare la balena e, inoltre, l’operazione è pericolosa, Michael può essere ferito gravemente se la balena intimorita gli assesta un colpo di coda.

Con un’ora di lavoro, in parte in acqua e in parte dalla barca, Michael e l’equipaggio riescono a liberare la balena e qui è accaduto l’incredibile.

La megattera Valentina una volta che si è resa conto di essere libera inizia una danza fatta di salti e ricadute fragorose in acqua che Michael e i suoi familiari vogliono pensare essere la danza del ringraziamento.



© Riproduzione riservata