NSS CalaSardi
ADVERTISEMENT
NSS CalaSardi
ADVERTISEMENT
domenica 19 maggio 2024
NSS CalaSardi
  aggiornamenti

Nidi di tartaruga marina: record nel Mediterraneo

A quattro settimane dalla fine della deposizione delle uova, già rinvenuti 293 nidi di tartaruga marina, il doppio rispetto allo scorso anno. La motivazione sembrerebbe essere il surriscaldamento delle acque del mare.

Tartaruga marina comune, la Caretta Caretta, è la specie più diffusa nel Mediterraneo
Tartaruga marina comune, la Caretta Caretta, è la specie più diffusa nel Mediterraneo
SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER
GUIDE DI CHARTER

Rilevati quest’anno 293 nidi di tartaruga marina, il doppio rispetto allo scorso anno, e al termine del periodo di deposizione delle uova mancano ancora quattro settimane.

Lo rivela Legambiente a seguito di un'elaborazione dei dati forniti da https://tartapedia.it/, che riceve le segnalazioni delle associazioni impegnate nelle attività di monitoraggio e sorveglianza delle uova di tartaruga nell’ambito del progetto europeo Life Turtlenest.

Secondo gli studiosi, la ragione di questa proliferazione risiede nel surriscaldamento delle acque del Mediterraneo che sta spostando l’area di residenza di questo rettile sempre più nella zona occidentale del Mare Nostrum.

Tra le regioni italiane con più nidi di tartarughe marine c’è la Sicilia con 105 nidi, seguita da Calabria (86) e da Campania (43); ma anche nel centro-nord del nostro paese si segnala un aumento dei nidi, come in Toscana (12) e nel Lazio (11).

Che il cambiamento climatico sia effettivamente responsabile di questo fenomeno è stato spiegato da Sandra Hochschied, ricercatrice della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e responsabile scientifico del progetto Life Turtlenest, che ha spiegato che questa estate è ripresa in maniera decisa la corsa delle tartarughe marine verso latitudini più settentrionali spinta dal cambiamento climatico. Il significativo aumento della temperatura ha reso adatti alla deposizione ambienti che solo qualche anno fa erano troppo freddi per questi rettili.

Secondo il rapporto 'Climate change and interconnected risks to sustainable development in the Mediterranean', pubblicato su Nature Climate Change, il Mediterraneo è tra i bacini che si stanno scaldando più velocemente sul pianeta, circa + 0,4 gradi per ognuno degli ultimi decenni, e proiezioni per il 2100 variano tra +1,8 e +3,5 in media rispetto al periodo tra il 1961 e il 1990.

Il progetto Life Turtlenest prevede una serie di azioni integrate che vanno dall'informazione alla sensibilizzazione delle comunità locali e degli operatori balneari, fino alla definizione di misure di salvaguardia.

Anche da un punto di vista economico il ritrovamento di un nido di tartaruga rappresenta un fatto positivo, perché attira un tipo di turismo rispettoso dell’ambiente. Per questa ragione molte località stanno ridisegnando la loro immagine proprio intorno alla presenza delle tartarughe.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
Ewol Ewol Ewol
PUBBLICITÀ