SVN logo

Uragano Irma: nessuna intenzione di salvare le barche

Durante l’uragano Irma molte società di charter e armatori hanno abbandonato le loro barche

Abbonamenti SVN
ADV
Saint Maarten (Caraibi) – La nostra corrispondente Erika Storelli in un lungo articolo su come ha vissuto in prima persona l’Uragano Irma, articolo che uscirà a giorni sulla prossima edizione di SVN Solovelanet, racconta come molti proprietari di barche e di società di charter che avevano le loro imbarcazioni assicurate contro i danni da uragano, le abbiano intenzionalmente non protette affinché queste fossero distrutte dal passaggio di Irma.

L’assicurazione ripagherà le barche e per ogni barca i danni dovuti al suo mancato utilizzo, il che significa che le società di charter avranno barche nuove e salva la stagione di lavoro. Stagione che se la barca fosse sopravvissuta molto probabilmente sarebbe andata persa a causa dei danni nei marina e nell'isola o avrebbe costretto la società a trasferire la barca altrove.

Erika Storelli spiega come questi armatori con il loro comportamento discutibile abbiano messo a repentaglio la sicurezza delle altre barche e delle persone, infatti le barche non adeguatamente protette sono state scaraventate dall'uragano contro altre barche causando gravi danni.

Erika nell’articolo spiega come è riuscita a salvare la sua barca dimostrando che se si fosse voluto, molto probabilmente, anche molte altre barche si sarebbero potute salvare.