domenica 2 ottobre 2022
  breaking news

Il primo AC 40 è in acqua, eseguiti i primi test di foiling al traino

AC40, la barca con cui si correrò la Youth e Women America’s Cup, è stata varata e ha iniziato a navigare

AC40, la barca con cui si correrò la Youth e Women America’s Cup
AC40, la barca con cui si correrò la Youth e Women America’s Cup

Primi test di navigazione in mare, ad Auckland, per l’AC 40 che verrà impiegato per la Youth e Women America’s Cup, oltre che dai team principali per allenarsi.

Madrina del battesimo la giovane Elise Beavis, designer nonché una delle menti dietro le performance di Team New Zealand in occasione delle ultime due America’s Cup.

L’AC 40 è stato costruito presso la McConaghy in Cina e nel primo giorno di navigazione ha eseguito soltanto dei test di traino per verificare che tutti i sistemi di bordo e il movimento dei foil funzionasse. Un battesimo di rito visto già con gli AC 75, che solitamente non navigano mai a vela alla prima uscita.

Al timone per i test di traino c'erano Nathan Outteridge e Ray Davis, il primo new entry del team e il secondo uno dei “senatori” di Team New Zealand. In questa fase di test viene provato anche un pilota automatico che autoregola i foil in base alla velocità e allo stato del mare. Si tratta di una procedura di prassi prima di passare gradualmente ai controlli manuali da parte dell’equipaggio.

"È stato fantastico vedere come funzionava il pilota automatico del controllo di volo, fin dall'inizio del nostro test di traino di oggi - ha spiegato Ray Davies. - È un merito per il team di meccatronica, il gruppo di progettazione, il team di terra e tutti coloro che hanno lavorato così duramente per varare l’AC40”.

Da un punto di vista estetico la barca sembra ricordare l’AC 75 di New Zealand che ha battuto in finale Luna Rossa nella scorsa edizione, con volumi di prua forse più magri. Stando alle previsioni, e con l’evoluzione delle forme dei foil, questi AC 40 potrebbero avvicinarsi alle prestazioni dei vecchi 75, sfiorando o raggiungendo in poppa i 40 nodi.

Come gli AC 75 anche l’AC40 sarà dotato di doppia randa: sull’albero ci saranno due canalette parallele, posizionate all’estremità del fusto per ridurre al massimo lo scalino tra l’albero e la vela e ottenere un profilo alare.

A rendere la giornata di prove in mare molto particolare è stato anche il mezzo con cui è stato trainato l’AC 40, ovvero la Chase Zero, il catamarano foil a idrogeno che sarà la barca appoggio ufficiale dei team per la prossima Coppa America.

Una scelta voluta dai kiwi per ridurre l’impatto ambientale dell’evento e guardare alle imbarcazioni del futuro.

SCHEDA TECNICA AC 40
Lunghezza 11,80 mt
Larghezza 3,38 mt
Immersione 3,50 mt
Peso 2.000 kg
Equipaggio 4 persone

© Riproduzione riservata

Lascatutto Lascatutto Lascatutto
ADVERTISEMENT
Slam Slam
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

CATEGORIE ARTICOLI