SVN logo

137 bollini blu nel Lazio

Mistero sul numero dei Bollini Blu

SailItalia
ADV
Roma – La Capitaneria di Porto ha reso noti i dati inerenti all’attività della Capitaneria di Porto di Roma nell’omonimo comparto marittimo per la stagione estiva in via di conclusione. Numeri interessanti che mettono in risalto come la Capitaneria di Porto sia un’istituzione efficiente e in grado di dare risultati. Risultati come le 5 tonnellate di prodotti ittici sequestrati perché non conformi alle normative, di cui 2,5 nei depositi all’ingrosso di alcuni ristoranti, i 1300 controlli sulle attività balneari, 12 notizie di reato, oltre 140.000 euro di multe.

Tra i tanti dati sicuramente positivi quello che lascia un po’ perplessi è il dato inerente al numero dei “bollini blu” rilasciati.

Su di un tratto di mare che è uno tra i più frequentati d’Italia a livello diportistico e che conta sul suo territorio tra i 6.000 e i 7.000 posti barca, nella stagione 2013 sono stati rilasciati 233 Bollini Blu.

A questo dato si aggiungono i 238 Bollini della Capitaneria di Gaeta, i 186 di Ortona i 533 di Savona e gli oltre 100 di Sanremo. Dal momento che queste enunciate sono alcune tra le più importanti Capitanerie della penisola per traffico da diporto, viene da pensare che nel suo insieme le Capitanerie hanno emesso non più di 3.000/4.000 bollini blu. I Bollini emessi dalle Capitanerie sono circa il 50% del totale emesso da tutti i corpi dotati di mezzi navali, il che ci porta a un totale di circa 6.000/8.000 Bollini Blu (calcolo ottimistico) su un parco barche di 400.000 unità.

E’ probabile quindi che sia in questo dato che vada cercato il perché le barche, nonostante il bollino blu e se pure in forma ridotta, anche quest’anno, hanno dovuto subire l’assalto dei vari corpi di polizia che hanno sottoposto i diportisti a controlli ripetuti.

© Riproduzione riservata