martedì 25 gennaio 2022
  breaking news

In Cina giro di vite sugli AIS

Una legge definita di sicurezza nazionale dal Governo vieta la trasmissione dei dati AIS a soggetti esteri e limita le stazioni di trasmissione

La trasmissione dei dati AIS in Cina
La trasmissione dei dati AIS in Cina
I più attenti cyber navigatori monitorando il traffico navale su uno dei siti web che tracciano gli AIS, forse avranno notato che in Cina sta succedendo qualcosa di molto strano. Nelle ultime settimane, anche in prossimità di porti importanti dove il traffico di navi solitamente è fitto, si sta registrando un crollo dei segnali AIS attivi.

Si parla di una riduzione dai 15 milioni di segnali a poco più di 1 milione, altre fonti invece indicano numeri più modesti, ma il fenomeno viene comunque confermato. La cosa è stata segnalata anche da alcuni occidentali che hanno navigato in quelle acque e hanno notato l’anomalia del calo di segnali.

Il motivo è da ricercare nell’entrata in vigore di una legge definita di sicurezza nazionale dal Governo di Pechino. Secondo la nuova norma i dati delle stazioni AIS che vengono trasmessi anche all’estero rappresentano un rischio per la sicurezza del paese e dei suoi dati sensibili, per questo il Governo ha deciso per un giro di vite.

Le limitazioni sono scattate per le stazioni di trasmissione terrestri, come noto queste usano il segnale VHF per trasmettere i dati AIS. Le multe per le stazioni che trasgrediscono pare siano ben oltre il milione di dollari.

Non è ancora del tutto chiaro se c’è stato anche un esplicito invito alle compagnie navali a tenere gli AIS di bordo spenti in certe zone, o solo una restrizione per le stazioni terrestri che fornivano i dati anche a clienti esteri.

Il tutto fa sì che la Cina sia comunque guardata ancora con più sospetto dalle altre potenze mondiali a causa della sua poca trasparenza nella gestione dei trasporti.

Si teme che Pechino dietro questa decisione voglia nascondere le sue difficoltà attuali nella catena dei trasporti marittimi e degli approvvigionamenti.

In ogni caso c’è anche un tema legato alla sicurezza, tramite i dati AIS infatti è spesso possibile risalire alle dinamiche di eventuali incidenti navali, cosa che adesso in quelle aree sarà più complessa da ottenere.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

CATEGORIE ARTICOLI

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?