SVN logo
SVN solovelanet
martedì 24 novembre 2020

Volevano vendere la barca: rapinati da falsi acquirenti

Due anziani francesi sono stati rapinati di 230.000 euro dai falsi acquirenti della loro barca

Abbonamenti SVN
ADV
Genova - La storia può sembrare quella di un giallo di serie B, inventata da un romanziere a corto di fantasia e senso dalle realtà, ma invece i carabinieri di Genova dicono che è vera.

Una coppia di anziani mette in vendita la loro barca attraverso internet per comprarne una più piccola e più maneggevole. I proprietari vengono contattati da un potenziale acquirente italiano interessato all’acquisto dell’imbarcazione. Dopo un po’ di tempo le parti, senza, a quanto pare, che l’acquirente abbia visto la barca, raggiungono un accordo e si danno appuntamento a Genova per sottoscrivere l’atto di vendita.

Qui inizia la parte più strana della storia. L’acquirente dice alla coppia che la sua banca non gli accetta banconote di grosso taglio per fare il bonifico ai due venditori e gli chiede di cambiare le banconote con altre di piccolo taglio. Quindi, i due anziani, come hanno dichiarato ai carabinieri, arrivati in Italia dalla Turchia, si sono presentati all’appuntamento con una valigetta colma di banconote di piccolo taglio per 230.000 euro.

Quando la coppia arriva all’appuntamento trova due uomini che, una volta accertatisi che i ci fossero i soldi, si sono impossessati con la forza della valigetta e sono scappati con il malloppo.

Il giorno dopo i due anziani hanno denunciato il furto ai carabinieri.

Certo, non è facile non avere qualche perplessità non tanto sull’ingenuità della coppia, ma sulla veridicità dei fatti.