SVN logo

Nave Opera torna a minacciare Venezia

Ad appena 14 giorni dall’incidente della nave Opera questa è tornata davanti a San Marco

Abbonamenti SVN
ADV
Venezia – Il ministro degli interni Matteo Salvini e quello dei Trasporti Toninelli nei giorni scorsi avevano fatto a gara a chi asseriva con maggior decisione che le grandi navi da crociera non avrebbero più minacciato Venezia, ma non sembra che sia servito a molto, la Nave Opera nella giornata di ieri è tornata davanti a Piazza San Marco, questa volta scortata da tre rimorchiatori.

Le dichiarazioni di fuoco di Salvini e Toninelli erano arrivate dopo che la nave Opera, un gigante da 275 metri di lunghezza, era andata fuori controllo e si era schiantata contro la banchina Istria, appena fuori dal centro storico della città, provocando 4 feriti.

Se l’incidente di Opera si fosse verificato nell’area davanti alla storica piazza di San Marco le conseguenze sarebbero state incalcolabili. San Marco si regge su una fitta palafitta di pali di legno su cui, un gigante come la nave della MSC, avrebbe avuto facilmente ragione facendo danni incalcolabili e, soprattutto, non riparabili.

Il fatto che la nave sia tornata nel canale davanti a San Marco scortata da tre rimorchiatori testimonia come navi di tali misure siano considerate pericolose.

Molte le proteste rivolte al governo per non aver fatto nulla per fermare il pericolo navi a Venezia dopo aver promesso che la minaccia al nostro patrimonio artistico sarebbe cessata immediatamente.