SVN logo

Ragazzo annega mentre fa il bagno a Tirrenia

Stava nuotando con il fratello e tre amici quando sono stati sorpresi dalle correnti, inutili i tentativi di rianimarlo

Abbonamenti SVN
ADV
Tragedia nel mare di Tirrenia, frazione del Comune di Pisa, dove è annegato un ragazzo di 19 anni. Di origine senegalese, si era recato in spiaggia insieme al fratello ed alcuni amici. Le condizioni del mare non erano delle migliori, ma neanche proibitive per la balneazione. I ragazzi si sono tuffati in acqua allontanandosi un po’ dalla riva, quando la corrente ha iniziato a trasportarli lontano dal punto in cui si erano immersi, spingendoli fino al vicino Bagno Maestrale.

A questo punto i ragazzi hanno iniziato a chiamare aiuto attirando l’attenzione dei bagnini presenti sulla spiaggia. La scena è diventata concitata, con i quattro giovani che nuotavano in maniera convulsa e agitata. I bagnini sono riusciti a raggiungerli, constatando che all’appello ne mancava ancora uno. C’è voluta un’altra fatale mezz’ora per ritrovare l’ultimo ragazzo, il cui quadro clinico è sembrato subito molto serio non appena è stato raggiunto dai soccorsi.

I sanitari hanno cercato di rianimarlo per oltre mezzora, invano, prima di essere costretti a dichiarare il decesso.

Inevitabile l’intervento in spiaggia, per le indagini di rito, degli agenti della Squadra Volanti e della Polizia scientifica della Questura, coadiuvati dai militari della Capitaneria di Porto. Il Pubblico Ministero incaricato del caso ha disposto il trasferimento della salma all'Istituto di Medicina Legale.

La causa probabile della difficoltà a rientrare a riva dei ragazzi sarebbero state le correnti, subdole perché spesso non sono visibili prima di entrare in acqua e quando il bagnante se ne accorge può già essere in pericolo.

© Riproduzione riservata