SVN logo

Varato il decreto attuativo per l’istituzione del Registro telematico

Parte la fase operativa della realizzazione dei registri telematici

Torqeedo
ADV
Roma - E’ stato varato il decreto attuativo per la realizzazione del Registro telematico per le imbarcazioni da diporto. Dopo oltre dieci anni di richieste pressanti e diversi milioni di euro spesi nel tentativo di realizzarli, sembra che questa volta la macchina della burocrazia statale riuscirà a partorire un topolino lillipuziano che però contribuirà notevolmente alla ripresa del settore nautico, il Registro Telematico per l’iscrizione delle unità da diporto.

Per quanto possa sembrare difficile da credere, sino a oggi le imbarcazioni da diporto, nel nostro paese, sono iscritte in registri cartacei disseminati nei diversi uffici principali e secondari delle Capitanerie di Porto, una pratica scomparsa in tutti i paesi europei che si affacciano sul mare già da diversi anni.

L’istituzione del registro telematico, emetterà all’agenzia delle Entrate di verificare direttamente via telematica la proprietà di una barca eliminando così la necessità di fermare la barca in mare o la possibilità di incappare in errori banali come attribuire a un contribuente la proprietà di una barca da lui venduta diversi anni prima.

La speranza è che Capitanerie di Porto e Ministero dei Trasporti (al quale è stato affidato il compito di redigere i registri), collaborino per arrivare quanto prima alla realizzazione dei registri.


© Riproduzione riservata