SVN logo

Iniziano i lavori di ricostruzione del porto di Rapallo distrutto dalla mareggiata del 2018

Il porto di Rapallo fu distrutto dalla terribile mareggiata del 29 ottobre 2018, affondarono 225 barche, dopo tre anni sono iniziati i lavori per la costruzione della nuova diga

Abbonamenti SVN
ADV
Il 29 e 30 ottobre del 2018 una mareggiata storica si abbatte sulle coste dell’Italia del centro Nord, danneggiando in particolare la Liguria e distruggendo quasi completamente il Porto Carlo Riva di Rapallo.

La diga del porto fu abbattuta nella sua sezione centrale a causa della forza del mare, aprendo alle onde la strada verso il cuore del porto e della città. Tutto il lungomare venne colpito dal mare, e i danni furono per centinaia di milioni di euro, con 225 imbarcazioni affondate.

A distanza di tre anni dai fatti sono ufficialmente iniziati i lavori per la ricostruzione del porto, affidati alla Savarese Costruzioni Spa/Sales Spa.

Il progetto prevede, oltre alla messa in sicurezza definitiva e al rinforzo della diga di sopraflutto, che questa venga allungata di circa 50 metri rispetto a quella originale, per proteggere maggiormente oltre che le barche ormeggiate anche e soprattutto l’abitato cittadino.

La posizione di Rapallo, con il lungo mare affacciato sull’acqua come altre cittadine della Riviera Ligure, necessita di un porto che ripari il centro dalle mareggiate, soprattutto da quelle provenienti da Libeccio che in Liguria e in Toscana nei mesi autunnali e invernali possono essere devastanti.

Quella del 29 ottobre 2018 fu comunque una mareggiata eccezionale. A confermarlo ci sono anche i dati diffusi da un’équipe dell’Istituto di scienze marine del CNR (Consiglio nazionale delle ricerche), che raccontano come in quelle 24 ore in Liguria e nell’Alto Adriatico, altra zona dove colpì la tempesta, furono registrate onde superiori ai 10 metri e l’impatto del mare sulla costa venne registrato addirittura dai sismografi.

Una sorta di tempesta perfetta.



© Riproduzione riservata