SVN logo

Tartaruga con becco di titanio stampato in 3D

Una tartaruga marina è stata salvata con la ricostruzione della mandibola in titanio che è stata stampata in 3D

Abbonamenti SVN
ADV
Denizli, Turchia – Una tartaruga Caretta Caretta viene ferita in modo grave da una barca a motore che gli recide buona parte della mandibola, l’animale non può mangiare e il suo destino è segnato, ma gli scienziati del Rescue and Rehabilitation centre dell'Università di Pamukkale a Denizli, luogo in cui la tartaruga dopo l’incidente è stata portata, decidono di tentare la riparazione della mandibola naturale con una protesi in titanio.

Un’operazione complessa che richiede tecnologie avanzate. Il cranio della tartaruga viene scannerizzato per creare una riproduzione 3D della testa e del becco. Sulla base di questo viene progettato un nuovo becco (che nella tartaruga costituisce la mandibola) e infine viene passato alla BTech Innovation un’azienda specializzata in stampa 3D dove il nuovo becco viene realizzato in titanio.

La tartaruga viene operata con successo e attualmente è in convalescenza al centro di recupero dove è monitorata per far sì che si adatti alla nuova mandibola di metallo. Se non la "rigetterà", sarà a breve restituita al mare. Non è la prima volta che la tecnologia della stampa 3D viene in aiuto di animali feriti: a marzo a Denver una tartaruga aveva ricevuto un guscio nuovo di zecca grazie all'Università del Colorado.

Le Università in questo modo da una parte salvano animali destinati a morte certa e dall’altra hanno modo di sperimentare i loro studi.