SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 30 novembre 2020

Droni : l’ISAF sta pensando di vietarli in regata

I droni rischiano di cadere sulle barche in regata e per questo l’ISAF li vuole regolare

Abbonamenti SVN
ADV
Roma – Dopo che un drone è caduto alle spalle del campione del mondo di sci Marcel Hirscher mentre questi scendeva in gara dalle piste di Madonna di Campiglio, nel mondo dello sport ci si è resi conto che i droni possono essere pericolosi e anche l’ISAF ha messo la questione all’ordine del giorno.

Sui campi di regata, ormai la presenza dei droni è costante, ce ne sono piccoli e grandi, ma il loro livello di sicurezza non è ancora a un livello tale da permettere a questi apparecchi di volare sulle teste delle persone.

Un drone può pesare da un paio di chili a più di cinque e volare a diverse decine di metri di altezza, se uno di questi oggetti dovesse andare fuori controllo e precipitare su di una barca come accaduto a Madonna di Campiglio sul campo da sci, l’incidente potrebbe avere conseguenze gravi.

Mentre la FIS, la federazione italiana sci, ha vietato l’uso dei banner sopra i campi da sci, l’ISAF sta pensando a misure meno draconiane, ma che comunque mettano in sicurezza gli equipaggi delle barche che partecipano alle regate internazionali.

Se l’ISAF fa la prima mossa, è possibile che le federazioni nazionali tra le quali la FIV la seguano a stretto giro.