SVN logo

Immigrati illegali nel Mare del Nord tra tempeste e banditi

Sembra impossibile, ma anche lungo le coste inglese ci sono degli sbarchi di migranti

Abbonamenti SVN
ADV
Dover (UK) – Due iraniani sono stati salvati da un’unità di salvataggio della RNLI vicino alle coste di Dover. I due uomini erano alla deriva su di un piccolo dinghy in un mare in burrasca. Una volta salvati sono stati arrestati per tentata immigrazione clandestina. Qualche giorno fa, altre due unità della RNLI hanno tratto in salvo 7 migranti provenienti dall’Ucraina, anche loro arrestati.
Diciassette albanesi clandestini sono stati arrestati a Chichester Marina a bordo di un catamarano.

Notizie di questo tipo appaiono sempre più spesso sui quotidiani inglesi. Sembra che il destino voglia punire l’Inghilterra rea di non aver voluto contribuire a risolvere il problema dei migranti in arrivo dal sud e dall’est Europa, facendo arrivare questi disperati direttamente sulle coste inglesi.

Un flusso piccolissimo di alcune centinaia di persone all’anno che hanno il coraggio di sfidare le burrasche e il freddo del Mare del Nord, ma che è in aumento.

I migranti, dopo viaggi che durano anche un anno e mezzo che li vedono transitare per i luoghi più pericolosi del mondo, vengono arrestati come comuni criminali e messi in celle a contatto diretto con delinquenti che, inevitabilmente, provvedono a far loro dei corsi accelerati su come fare soldi sul suolo di sua maestà la regina.