mercoledì 22 maggio 2024
  aggiornamenti

Il ketchup salva il naufrago: Heinz cerca di regalargli una barca

Dopo un mese in mare sopravvivendo grazie al ketchup, Elvis Francois viene salvato. Heinz lancia una ricerca per aiutarlo a comprare una nuova barca. La storia dimostra che si può sopravvivere con cibo di fortuna.

Il ketchup salva il naufrago: Heinz cerca di regalargli una barca
Il ketchup salva il naufrago: Heinz cerca di regalargli una barca
SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER
GUIDE DI CHARTER

Il colosso americano Heinz cerca il marinaio quarantesettenne dominicano Elvis Francois che nel dicembre scorso, a causa di una disattenzione, si è ritrovato in alto mare a bordo della sua piccola imbarcazione, sospinto dalla corrente lontano dall’isola di Saint Martin, nella parte olandese dei caraibi dove risiede.

Dopo alcuni infruttuosi tentativi di contattare terra per chiedere aiuto, Francois si è rassegnato all’attesa dei soccorsi, considerando che i suoi conoscenti, non vedendolo rientrare, si sarebbero allarmati.

Purtroppo per lui, c’è voluto quasi un mese per ritrovarlo, un tempo lunghissimo che ha passato quasi sempre sveglio a sgottare l’acqua per non affondare e sopravvivendo grazie al pochissimo che aveva a bordo: del ketchup, dell’aglio in polvere e alcuni dadi da brodo che ha sciolto in acqua.

A gennaio, a circa centoventi miglia a nordovest di Puerto Bolívar, in Colombia, è stato avvistato da un aereo che ha notato le sue segnalazioni fatte con uno specchietto e la scritta “HELP” incisa sul fondo della barca. I piloti del velivolo hanno avvertito la guardia costiera che ha diramato un avviso via radio a tutte le unità in navigazione in quello specchio acqueo.

Chissà se animata da genuina generosità o al solo scopo di ottenere pubblicità a basso costo, la Heinz, produttrice del salvifico ketchup, ha lanciato nei giorni scorsi l’hashtag #FindTheKetchupBoatGuy, chiedendo aiuto alla Rete per rintracciare il marinaio di cui sembrano perse nuovamente le tracce, questa volta a terra.

"Chiediamo qualunque indizio per contattare Elvis in modo da poterlo aiutare a comprare una nuova barca dotata di strumentazione adeguata a evitare un altro disastro in futuro", ha dichiarato la società.

Se Alan Bombard, naufrago anche lui seppur volontario, è sopravvissuto nutrendosi con il liquido spremuto dai pesci e Bernard Moitessier voleva alimentarsi con i biscotti per cani, Elvis Francois ha dimostrato che si può sopravvivere in condizioni estreme per molti giorni nutrendosi con cibo di fortuna. E magari avere un doppio lieto fine.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
NSS Charter NSS Charter NSS Charter
PUBBLICITÀ