NSS CalaSardi
ADVERTISEMENT
NSS CalaSardi
ADVERTISEMENT
mercoledì 6 luglio 2022
NSS CalaSardi
  breaking news

Proposta per introdurre la patente nautica in Francia

In Francia un deputato chiede al governo di introdurre la patente nautica, il governo dice no

Parigi (Francia) – Annaïg Le Meur, parlamentare del primo collegio elettorale di Finistère, ha chiesto al governo francese di introdurre la patente nautica anche per le barche a vela, al momento in Francia deve prendere la patente solo chi conduce barche a motore.

Il deputato ha giustificato la sua richiesta con i 1830 diportisti portati in salvo l’anno scorso dalla SNSM, il servizio di salvataggio volontario francese. Le Meur sostiene che se anche i velisti facessero dei corsi nautici il numero di incidenti in mare diminuirebbe.

Il governo ha risposto al parlamentare asserendo che non ritiene assolutamente necessaria l’introduzione di una patente nautica per i velisti, perché andare a vela è una cosa più complessa del portare una barca a motore, e nessuno lo farebbe senza aver prima studiato e capito cosa sta facendo, quindi imporgli di fare un ulteriore corso sarebbe un aggravio burocratico inutile. La richiesta è stata quindi respinta.

Ogni anno in Francia sono rilasciate circa 90.000 patenti nautiche per barche a motore, patenti necessarie perché la barca a motore apparentemente è semplice da portare e le persone potrebbero pensare che è sufficiente salire, mettere in moto e cominciare a navigare senza conoscere i pericoli del mare.

I velisti, invece, essendo la barca a vela una cosa più complessa, avvertono il bisogno di frequentare una delle 1.000 scuole di vela francesi e nel 2018 hanno visto nei loro corsi 300.000 persone.

Per avere più dati statistici sulle richieste di soccorso in mare e poter studiare in modo più approfondito il problema, il governo ha istituito un osservatorio dell’incidente nello sport acquatico (SNOSAN) che permetterà di avere dati più precisi sul numero degli interventi e sulla loro causa.

In Italia il numero degli interventi della Guardia Costiera a favore di velisti in difficoltà è molto basso, le richieste di soccorso determinate da problemi imputabili a una cattiva preparazione dello skipper ancora di meno.

© Riproduzione riservata

Puntocospicuo Puntocospicuo Puntocospicuo
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

CATEGORIE ARTICOLI