SVN logo
SVN solovelanet
venerdì 27 novembre 2020

Gli ostaggi della Savina Caylyn sono all’estremo

Due ostaggi lanciano un appello telefonico al sito “Libero reporter”

Abbonamenti SVN
ADV
"Siamo in procinto di arrivare ai nove mesi di sequestro e siamo ormai in condizioni sempre più disperate".
Questo l'appello lanciato all'armatore e alle autorità italiane da Antonio Verrecchia e Eugenio Bon, due degli ostaggi del mercantile italiano Savina Caylyn in mano ai pirati somali dallo scorso 8 febbraio 2011.
Con l’autorizzazione dei pirati, che da nove mesi tengono in ostaggio la nave, i due ostaggi hanno telefonato al sito "Libero reporter" per affidare il loro appello.
I due hanno detto che le condizioni di detenzione sono pessime e loro, insieme agli altri marittimi, sono all’estremo delle forze. Alcuni componenti dell’equipaggio, tra i quali il comandante e alcuni ufficiali sono stati portati a terra come deterrente contro eventuali blitz, dove, come raccontano i due per telefono, le condizioni di detenzione sono ancora peggiori e i prigionieri vengono tenuti legati mani e piedi.
La compagnia di navigazione, la Fratelli D’Amato, aveva promesso di chiamare a bordo per giungere a una soluzione del sequestro, ma ciò non è mai avvenuto. Nell’appello si chiede attenzione per il caso di questi italiani che ormai da molti mesi sono prigionieri dei pirati senza che sia data loro alcuna speranza.