SVN logo
SVN solovelanet
venerdì 27 novembre 2020

Yachting Festival de Cannes: il 12 settembre apre le porte

Ripartono i saloni autunnali con lo Yacht Festival de Cannes

Abbonamenti SVN
ADV
Cannes - Dopo la storica sentenza della corte francese la quale, dando torto alla FIN, l’associazione degli industriali nautici (l’equivalente della nostra UCINA) che voleva strappare il controllo del Salone di Cannes alla società che lo ha sempre gestito, le acque allo Yaching Festival di Cannes si sono calmate e tutto, nella piccola cittadina della costa azzurra, sembra essere tornato nella normalità.

Nonostante gli strali della FIN, gli iscritti al salone sono tanti, più dell’anno scorso e tra loro tanti gli italiani. Tra i cantieri presenti i due produttori più importanti Solaris e Cantiere del Pardo, al quale seguono cantieri più piccoli come Italia Yachts e Advanced Yahcts. Più nutrita la squadra dei produttori di accessori, campo nel quale l’Italia ha un certo peso: Ewol con le sue eliche di acciaio, Carboway produttore di passarelle e accessori in carbonio, Osmosea con i suo desalinatori e molti altre industrie attive nei campi più disparati.

Cannes, che si aprirà il 12 settembre per chiudersi domenica 17 settembre, vedrà anche la partecipazione di un folto pubblico italiano. Tanti, infatti sono gli italiani che negli anni della crisi, quando il Salone Nautico di Genova non riuscendo a dare alcuna risposta convincente era divenuto un salone poco attraente, hanno preso l’abitudine di venire a Cannes, abitudine che perdura anche ora che Genova è sulla via della ripresa.

Diportisti che arrivano a Cannes per vedere cosa offre il mercato, un mercato che comincia a rialzare la testa e a proporre qualche prodotto nuovo in mezzo a molti restyling.

Il Solaris 68, il nuovo modello del cantiere di Acquileia sarà sicuramente la regina del salone, a seguirla ci saranno i due modelli nuovi e molto attesi della Jeanneau, il Sun Odyssey 440 e il Sun Odyssey 319 modelli che danno inizio a una nuova generazione di scafi con molte innovazioni di carattere strutturale destinate a cambiare profondamente la barca da crociera. Altra barca molto attesa e che sicuramente si troverà al centro dell’attenzione sarà il nuovo Oceanis 51.1, anch’esso modello di nuova generazione destinato a fare scuola. Novit per l’Italia, anche se poi la barca è già stata presentata a gennaio scorso a Dusseldorf, il GT5 dell’Elan, una barca molto particolare che cerca di abbinare uno scafo performance, quello dell’E5 con una tuga decisamente da deck house.

Nel settore dei restyling, invece, abbiamo i quattro modelli dell’Hanse che ha apportato alcune modifiche superficiali ai suoi modelli di punta rinominandoli 348, 388, 418 e 548, stessa cosa ha fatto la Dufour con il nuovo 520 che è il vecchio 500 poi diventato 510, quindi 512 e ora 520.


http://www.cannesyachtingfestival.com/IT/