SVN logo

32esima America's Cup - Alinghi: orgoglio e gioia

Abbonamenti SVN
ADV
“Orgoglioso. Orgoglioso di essere andato a prendere la Coppa America dall'altra parte del mondo e di averla difesa”.

Sono queste le parole rilasciate al quotidiano “La Stampa” da Francesco Rapetti, uomo all'albero e capitano di Alinghi, nonchè primo italiano a conquistare per due volte la storica brocca.

Con lui, in rappresentanza del nostro tricolore, sulla barca vincitrice della Coppa c'erano anche Lorenzo Mazza e Ciccio Celon.

“Li avrei voluti con me già nel 2003” ha continuato Rapetti, che ha anche disegnato il possibile futuro dell'equipaggio di Alinghi: “Prevedo soltanto qualche piccolo cambiamento. Penso che il nostro skipper Brad Butterworth e gli altri neozelandesi resteranno. Magari cambieranno le barche; queste sono arrivate al limite delle loro prestazioni”.

Euforico anche il patron Ernesto Bertarelli, che ha considerato questo successo più importante e difficile del precedente: “E' stata durissima. La regata più dura della mia vita - ha commentato ai microfoni di La7 - combattuta fino alla fine. La gioia è stata più grande anche del 2003, perchè più difficile di così non poteva essere, con due squadre sempre vicinissime”.

Bertarelli ha poi sciolto i dubbi riguardanti il futuro della prossima edizione: “La Coppa America rimarrà in Europa. Abbiamo fatto vedere che il vecchio continente ne sa di vela, che il campo di regata di Valencia con la sua incertezza è in grado di offrire bellissime regate e che il pubblico è vicino come non mai alla competizione. Penso che sarà difficile vedere qualcosa di più bello”.


© Riproduzione riservata

SailItalia
ADV