SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 30 novembre 2020

Una mappa per conoscere la biodiversità

Il progetto coinvolgerà tredici istituti di ricerca appartenenti a nove nazioni e partirà nel 2014. L'obiettivo è acquisire importanti conoscenze sulla biodiversità marina

Abbonamenti SVN
ADV
Roma – Conoscere al meglio ogni aspetto della biodiversità marina. E' questo l'obiettivo del nuovo progetto, denominato European marine biological resource center e coordinato dalla stazione zoologica Anton Dohrn con sede a Napoli, che si propone di tracciare una dettagliata mappatura europea delle caratteristiche genetiche di tutti gli organismi marini.
Un'iniziativa che coinvolgerà tredici istituti di ricerca appartenenti a nove nazioni (Italia, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Norvegia, Portogallo, Scozia, Svezia) e sarà operativa a partire dal 2014. Finora, il finanziamento stanziato dalla Comunità Europea ammonta a quattro milioni di euro. “Dopo questa fase – ha detto Roberto Di Lauro, presidente della stazione zoologica Anton Dohrn – si passerà alla costruzione della rete vera e propria, che dovrà vedere anche il concorso finanziario degli stati membri”. Per realizzare la rete infrastrutturale necessaria per la potenziazione degli istuti di ricerca, occorreranno infatti 150 milioni di euro. “Gli organismi marini – ha continuato Di Lauro – sono formidabili indicatori degli equilibri climatici, perchè rispondono, ad esempio, alle variazioni di anidride carbonica e contribuiscono all'aumento dell'ossigeno. Basti pensare che ogni due molecole di ossigeno, una è prodotta dagli organismi marini”.