SVN logo

Dramma alla Scala dei Turchi di Otranto: annegati due giovani

Annegati due ragazzi traditi dalle correnti nell’area della Scala dei Turchi di Otranto. Inutili i soccorsi del 118 e dei bagnini

Abbonamenti SVN
ADV
Diversi gli incidenti in mare che dall’inizio di questa estate sono balzati all’attenzione delle rubriche di cronaca nera. L’ultimo in ordine di tempo è avvenuto il 10 luglio, nei pressi della Scala dei Turchi di Otranto, dove due giovani sono morti tra le onde, sotto lo sguardo incredulo dei bagnanti.

Pia Patruno e Rosario Francesco Mancino, 27 e 29 anni, due amici, sono entrati in acqua dalla spiaggia per dirigersi a nuoto verso la scogliera che delimita la Scala dei Turchi. La giornata da un punto di vista meteo presentava un vento di maestrale con un po’ d’onda che non rendeva semplice nuotare.

Nei pressi della scogliera i conoscitori del posto raccontano che con l’onda si possono creare delle correnti pericolose, con mulinelli che risucchiano verso il fondo, dato che la profondità passa da pochi metri a oltre dieci in una breve distanza.

I bagnanti hanno visto la ragazza in difficoltà scomparire tra le onde, seguita poco dopo dall’amico. Il fidanzato di Pia in spiaggia ha allertato il bagnino ed è scattata la chiamata alla Guardia Costiera e al 118.

Nel frattempo il bagnino e alcuni bagnanti, dopo molti minuti, sono riusciti a raggiungere con difficoltà i due giovani e a portarli a terra per tentare le prime manovre di rianimazione, proseguite poi invano dai sanitari del 118.

Ancora una volta occorre tenere bene a mente che anche in estate il mare può riservare delle insidie nascoste, e quando si ha a che fare con lui bisogna sempre essere prudenti e tenere alta la guardia.

© Riproduzione riservata