SVN logo
SVN solovelanet
sabato 28 novembre 2020

CNA presenta i suoi dati sul mercato nautico in ripresa

Durante il Seatec, la CNA, in una conferenza stampa, ha presentato i suoi dati statistici sul mercato nautico

Abbonamenti SVN
ADV
Massa Carrara – Nell’ambito di un Seatec, il salone riservato agli operatori per l’accessorio nautico, la CNA (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa) ha presentato, in un convegno condotto dall’ingegnere Lorenzo Pollicardo, i suoi dati statistici sull’andamento del mercato per l’anno 2015 e le proiezioni sull’anno 2016.

I dati sono destinati a suscitare molte polemiche perché la CNA è apertamente schierata con Nautica Italiana, la nuova associazione d’imprenditori della nautica che si sta contrapponendo all’UCINA.

I dati del CNA sono incoraggianti e vedono un mercato in moderata ripresa dove la vela guadagna posizioni, anche se, in ogni caso, rimane una nicchia ristretta.

In questo senso il dato che più lascia pensare è che nel 2014 tra le 633 nuove unità immatricolate negli uffici della Capitaneria di Porto, 254, ovvero, il 40%, sono state unità a vela. Un dato in netta crescita se comparato con quello del 2013 dove la vela rappresentava appena il 25% dell’immatricolato e ancora prima quando, nel 2008, anno della conclamazione della crisi, si era abbondantemente sotto il 20%.

Un dato che fa pensare sulla nostra esiguità in fatto di mercato nautico è quello sulle patenti nautiche. In Italia, dopo diversi anni di calo, il numero di patenti nautiche rilasciate ogni anno nel nostro paese, si sta stabilizzando intorno alle 14.000 patenti l’anno. In Francia, paese che ha sentito la crisi come noi, le patenti rilasciate ogni anno sono 90.000.

Ai dati di CNA, che nonostante alcune forzature a favore dell’associazione Nautica Italiana, sono contraddistinti da una ricerca professionale e un’analisi di ottimo livello, sarà dedicato un articolo sul prossimo numero di SVN che uscirà a maggio.