SVN logo

E sarà buon vento: al via l’iniziativa che porterà gli angeli della corsia sulle barche a vela

“E sarà buon vento” è un’iniziativa degli armatori e operatori di Marina degli Aregai e subito diffusasi in altri marina per ringraziare gli infermieri e i medici che hanno dato tutto per fronteggiare l’epidemia

Abbonamenti SVN
ADV
Genova – L’iniziativa nasce a Marina degli Aregai nella Liguria di Ponente da un gruppo di armatori e di operatori del porto che hanno pensato di dover fare qualche cosa per dimostrare la gratitudine verso chi, nei giorni terribili del picco dell’epidemia, lavorava senza sosta per riuscire a contenere al massino il contagio e il numero dei morti. Da velisti la cosa a cui hanno pensato subito è stata, “portiamo gli angeli in mare”, e così hanno dato via a “E sarà buon vento”. Oggi sono arrivati alla parte operativa dell’iniziativa che ha visto il primo gruppo d’infermieri e medici salire su di un First 47.7 partito dal porto di Genova, la darsena dove si tiene il salone nautico, per passare una giornata in mare.

A bordo dell’Audace, questo il nome della barca che si è prestata all’iniziativa, 7 infermieri e 1 medico provenienti da Genova e da Sanremo. Tutte persone che hanno vissuto in prima linea le ore più drammatiche del Coronavirus. Nei loro racconti un’esperienza che ha tutti segnato profondamente e che si augurano di non fare mai più.

L’unico medico del gruppo che veniva dall’ospedale di Sanremo ha raccontato come la prima persona morta durante il suo primo turno nel reparto approntato per combattere il Coronavirus era un suo conoscente e di cui lui non si era reso conto, lo ha capito solo la mattina dopo, quando ha parlato con un collega.

A bordo, oltre all’armatore della barca, c’era l’ideatore dell’iniziativa, Pietro Romeo, commerciante di Marina degli Aregai che ha spiegato come l’iniziativa si stia diffondendo sul tutto il territorio nazionale. Nei prossimi giorni partiranno altre barche per portare un giorno in mare chi ha combattuto il Covid. Già pronti Alghero, La Spezia, Cagliari e Otranto, altri si stanno aggiungendo in questi giorni, grande assente la capitale, dove, nonostante le 10.000 barche ormeggiate nel raggio di 100 chilometri, si sta ancora cercando un armatore che metta a disposizione la sua barca per una giornata in mare.