SVN logo
SVN solovelanet
martedì 24 novembre 2020

In Francia si chiedono gabbie obbligatorie per le eliche dei motoscafi

La famiglia di una vittima delle eliche sta portando avanti una battaglia per fare in modo che le eliche debbano avere una protezione obbligatoria

Abbonamenti SVN
ADV
Parigi (Francia) – Nel 2018 un ragazzo di 12 anni mentre faceva deriva, in seguito a una scuffia, fu ucciso dalle eliche di un gommone. Nel 2019 un ragazzo di 18 anni in Francia è stato ucciso nello stesso modo mentre faceva Kite Surf. Come loro, ogni anno in mare si contano diversi incidenti dove le vittime rimangono seriamente ferite dalle eliche delle barche.

I genitori dell’ultima vittima stanno conducendo in Francia una battaglia affinché lo Stato renda obbligatorio per le barche a motore e, soprattutto, per quelle motorizzate con dei fuoribordo, di proteggere le loro eliche con degli speciali collari.

La scuola di vela dei Les Glénans, un’istituzione in Francia, è stata tra le prime ad accogliere l’appello della coppia e dotare, in via sperimentale, tutti i loro gommoni di assistenza e soccorso con dei collari di plastica che dovrebbero evitare a chi è in acqua di venire a contatto con le eliche.

La scuola ha portato avanti la sperimentazione per un anno e ora ne ha pubblicato i risultati. I responsabili della scuola sono arrivati alla conclusione che le gabbie o i collari sono utili a limitare gli incidenti e alzare il livello di sicurezza, ma non sono sufficienti e, in particolare, per i motori sotto i 30 Hp potrebbero essere controproducenti.

Infatti con motorizzazioni piccole, queste risentono della presenza delle protezioni e diventano meno manovrabili e meno efficienti nella spinta.

Les Glénans conclude che, probabilmente, l’unico modo per evitare incidenti con le eliche sarebbe quello di eliminarle e sostituire i propulsori con dei motori a getto, ma che in mancanza dei motori a getto i collari o le gabbie per le eliche sono altamente consigliabili, nel bilanciamento tra aspetti positivi e quelli negativi, nell’uso dei collari, i primi sono assolutamente maggiori dei secondi.