SVN logo
SVN solovelanet
domenica 29 novembre 2020

Vento debole nell’Atlantico meridionale

I quattro Class 40 sono tutti molto vicini, ma ora cominciano a profilarsi le diversi tattiche degli skipper

Abbonamenti SVN
ADV
Montevideo - La Global Ocean Race è ripartita da Punta dell’Est in Uruguay e al momento non c’è nessuna emozione in vista. I Class 40 ancora in gara sono quattro: Cessna Citation, di Conrad Colman che avrà in questa tappa, come co-skipper, l’australiano Steve Cavanough; Phesheya-Racing, dei sudafricani Nick Leggatt e Philippa Hutton-Squire; Financial Crisis di Marco Nannini e Sergio Frattaruolo e Sec di Nico Budel e Erik Van Vuuren.

Le barche sino a ieri erano tutte a vista, solo durante la notte le distanze hanno iniziato ad allungarsi. La prima posizione è di Cessna Citation seguito da Phesheya-Racing che divide il secondo posto con Financial Crisis, in ultima posizione Sec.

Le condizioni meteo sono ancora buone e la flotta sta navigando verso nord, con Cessna, Financial Crisis e Sec che si stanno allargando di bolina verso est, mentre Phesheya-Racing, ha scelto di rimanere sotto costa.
La quarta tappa, iniziata il 2 aprile scorso da Punta dell’Est, vicino a Montevideo in Uruguay, porterà i Class 40, attraverso l’Atlantico australe e boreale, sino a Charleston, in South Carolina, con un percorso di circa 6.000 miglia che li vedrà attraversare la zona equatoriale.