SVN logo

Pitchpole per Susie Goodall alla Golden Globe Race, partiti i soccorsi

Scuffia di prua per il Rustler 36 della navigatrice inglese, la barca è semidistrutta

Abbonamenti SVN
ADV
Oceano Pacifico – Nella giornata di ieri, la navigatrice inglese Susie Goodall che stava partecipando con il suo Rustler 36 alla regata intorno al mondo Golden Globe Race riservata ai solitari su imbarcazioni costruite prima del 1988 e senza ausili elettronici, è stata vittima di un pitchpole, ovvero, una scuffia longitudinale, prua-poppa, la più pericolosa e devastante delle scuffie.

La prua si impunta in acqua mentre un’onda alza la poppa, la barca va in verticale e poi o continua la sua corsa e si ribalta nel senso longitudinale o cade di lato.

Nel momento dell’incidente in mare c’era un vento molto sostenuto di 40-45 nodi con onde tra i 5 e i 6 metri.

Susie ha fatto sapere di essere ferita alle mani, ma non sembra che le sue condizioni fisiche destino preoccupazione, invece la barca ha perso l’albero e gli interni sono distrutti. La navigatrice ha attivato l’Epirb e chiesto soccorso.

Il concorrente della Golden Globe Race più vicino a lei è Uku Randma, ma si trova a 700 miglia e alla velocità con cui procede ci vorrebbero diversi giorni per raggiungere la barca di Goodall.

L’MRCC che gestisce il soccorso, in accordo con l’organizzazione della Golden Globe Race, ha dirottato una nave mercantile che si trova a 400 miglia di distanza da Goodall e che raggiungerà la navigatrice in circa 24 ore – 30 ore.