SVN logo

Le ultime miglia della Golden Globe si rivelano un incubo

Van Den Heede e Mark Slats dovranno affrontare altre burrasche prima di riuscire ad arrivare

Abbonamenti SVN
ADV
Les Sables-d'Olonne (Francia) – Si chiama Jean Luc Van Den Heede, è francese, ha 73 anni e naviga su di un Rustler 36 l’uomo che si appresta a vincere la prima Golden Globe Race dei tempi moderni, la regata intorno al mondo senza scalo e senza assistenza con barche costruite prima del 1988 e senza alcun ausilio elettronico.

Jean Luc prima di tagliare la linea del traguardo deve ancora affrontare una burrasca, quella che sta imperversando sul Golfo di Biscaglia e che lo sta rigettando indietro.

Il navigatore secondo le previsioni sarebbe dovuto arrivare oggi, ma le condizioni meteo non gli hanno permesso di fare rotta verso Les Sables-d'Olonne. Per il momento il suo obiettivo è resistere alla burrasca che lo sta martoriando con onde di 10 metri e venti di 50 nodi.

Dietro di lui, molto più indietro, circa 450 miglia dall’arrivo sta facendo la stessa battaglia l’olandese 41enne Mark Slats.

Nonostante le onde e la burrasca, i fan di Jean Luc hanno lasciato il porto di Les Sables-d’Olonne a bordo di una nave per andare incontro al loro idolo e acclamarlo prima dell’arrivo.

La regata è stata corsa per commemorare la prima Golden Globe che si tenne 50 anni fa e che fu vinta da Sir Knox-Johnston. Alla partenza ci sarebbero dovuti essere 18 skipper e barche, ma si sono registrate subito le prime defezioni, al momento, in mare, sono rimaste solo 5 barche, tutti gli altri si sono ritirati.

La flotta è partita da Les Sables-d’Olonne 210 giorni fa, questo il tempo che hanno impiegato questi uomini per arrivare a poche miglia dall’arrivo e trovarsi, ancora una volta, a combattere per sopravvivere al mare.