SVN logo

Il killer della barriera corallina

Un stella marina sta attaccando e distruggendo la Grande Barriera Corallina australiana

Abbonamenti SVN
ADV
Sydney, Australia – La Grande Barriera Corallina (Great Barrier Reef) si estende al largo delle coste australiane per 2.600 chilometri ospitando centinaia di migliaia di esseri viventi diversi per miliardi di esemplari, questo ecosistema, che è uno dei più grandi al mondo, ha un nemico che sta crescendo e che potrebbe risultare devastante, l’Acanthaster planci.

L’Acanthaster planci, detta anche “Corona di spine”, è una stella marina che sta trovando giovamento dal riscaldamento degli oceani. Le maggiori temperature dell’acqua stanno facendo proliferare la stella marina che si sta riproducendo a un ritmo molto superiore al normale.

L’Acanthaster planci è pericolosa per la Great Barrier Reef perché si nutre di coralli, quindi sta letteralmente mangiando la barriera.

La copertura corallina sulla barriera si è ridotta di circa la metà dal 1985, di cui circa il 42% della perdita è attribuita a ripetute epidemie della stella marina.

Nella ricerca pubblicata sulla rivista Scientific Reports, gli scienziati hanno studiato l'impatto delle temperature crescenti sulle larve della stella, usando un simulatore che permette di manipolare fattori ambientali per condurre esperimenti a lungo termine sull'impatto di complessi mutamenti ambientali. La conclusione è stata che un aumento delle temperature di due gradi migliorerebbe del 240% il tasso di sopravvivenza della stella con effetti catastrofici per la barriera corallina.

Il comitato dell’UNESCO si riunirà a maggio per decidere se mettere la Great Barrier Reef nella lista dei siti in pericolo.