SVN logo

Il cantiere X-Yacht vara l’X-33C, la prima barca a motore

Seguendo quanto fatto già da altri cantieri, la X-Yacht, storico cantiere dedicato alla costruzione di barche a vela, amplia la produzione e vara l’X-33C, la sua prima barca motore

Abbonamenti SVN
ADV
Haderslev (Danimarca) – Il cantiere danese X-Yacht ha varato la sua prima barca a motore, l’X-33C. Dopo 41 anni dal varo del primo X-Yacht, l’X-79, che si presentò al pubblico con una livrea rossa, arriva il primo scafo a motore, anche questa volta con una livrea rossa.

L’X-Yacht non è il primo cantiere specializzato in barche a vela ad affiancare a queste una gamma di barche a motore. I cantieri italiani, Cantiere del Pardo e Solaris, insegnano, soprattutto per quanto riguarda il Pardo, che dimostra come un piccolo cantiere di barche di qualità può avere un grande successo anche nel mondo affollato delle barche a motore a condizione che sia in grado di fare qualità, innovazione e bellezza.

Il cantiere del Pardo nel giro di due anni, dopo il varo del suo primo scafo a motore, ha raddoppiato i suoi fatturati. Oggi le sue gamme a motore fatturano due volte quello che registrano le gamme di barche a vela.

Diversi appassionati del marchio danese, che negli anni d’oro ha dominato i campi di regata, hanno protestato per questo inquinamento del puro spirito della vela, ma tutti sappiamo che le aziende sono fatte per fare profitto e le barche a motore permettono margini molto diversi da quelle a vela, da qui, chi può, si sposta o affianca il motore alla produzione a vela.

Un cantiere che è stato vicino al fallimento e costretto a cambiare proprietà per salvarsi, deve pensare a consolidarsi e fare utili.

Come ha detto il presidente del Cantiere del Pardo Gigi Servidati quando vararono la loro prima barca a motore:“Iniziamo a fare barche a motore per poterci permettere di continuare a fare barche a vela”.