SVN logo

La devastazione della pesca abusiva di datteri ai Faraglioni di Capri

Sgomitata una banda che da decenni gestiva il prelievo massiccio di datteri di mare, deva-stando i fondali intorno ai Faraglioni dell’Isola di Capri

Abbonamenti SVN
ADV
La scoperta fatta dagli inquirenti si è rivelata quasi agghiacciante. I faraglioni di Capri sono stati barbaramente deturpati, la loro superficie e il loro ecosistema, dai pescatori di frodo di datteri di mare.

L'indagine è stata portata avanti dalla Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura di Napoli e ha stato ricostruito un vasto mercato illegale che vede coinvolte ben due organizzazioni criminali (una napoletana e l’altra prettamente caprese) che gestivano il mercato illecito di questo frutto di mare da decenni.

Tra i vari reati contestati ai 19 segnalati si segnalano l'associazione per delinquere finalizzata al compimento di numerosi delitti ambientali, inquinamento e ricettazione.

La pesca dei datteri di mare in Italia è infatti assolutamente illegale, così come in tutta l’Unione Eu-ropea dove è vietata e le multe e le sanzioni per chi non rispetta le norme sono anche piuttosto se-vere.

Per la sua conformazione, questo particolare mollusco si attacca alle rocce, erodendole con le sue secrezioni fino a scavarsi una sorta di nido nella pietra, e per prelevarlo è inevitabile danneg-giare la superficie su cui si trova, dando così vita a un vero e proprio scempio dei fondali.

A Capri si calcola che quasi il 50% della superficie immersa dei faraglioni, e dei dintorni, è stata gravemente danneggiata.

Il bottino sul mercato nero valeva fino a 200 euro al chilo, in una zona che a quanto pare è capace di produrre ogni mese quintali di datteri di mare.


© Riproduzione riservata