NSS CalaSardi
ADVERTISEMENT
NSS CalaSardi
ADVERTISEMENT
sabato 18 maggio 2024
NSS CalaSardi
  aggiornamenti

Mini Transat da sogno: Luca Rosetti in testa alla seconda tappa

L’italiano Luca Rosetti va a caccia del podio nella Mini Transat o di un risultato ancora più importante, è in testa a 900 miglia dal traguardo

La Mini Transat
La Mini Transat
SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER
GUIDE DI CHARTER

La seconda tappa della Mini Transat, la regata oceanica in solitaria sui Mini 650 di serie o prototipi, è ripartita dalle Canarie con direzione Caraibi. La sorpresa, ma forse non troppo, è quella che in queste ore sta maturando nella classifica dei Serie, dove in testa c’è l’italiano Luca Rosetti con la sua Race=Care.

La Mini Transat è la prova d’ingresso nella grande vela oceanica, una regata in solitaria con barche di piccole dimensioni, il cui regolamento prevede che possano essere utilizzati solo GPS non cartografici e non viene concessa alcuna assistenza da terra.

L’unico italiano a vincerla è stato Ambrogio Beccaria nel 2019, ma in quest’edizione 2023 la vela italiana sembra intenzionata a fare sul serio.

Rosetti aveva chiuso in ottava posizione la prima tappa, ma in questa seconda, con tanto Aliseo da cavalcare, sta facendo venire fuori la velocità della sua barca nonché le sue abilità di regatante nello scegliere le traiettorie giuste lungo l’Atlantico.

La vittoria generale della regata si assegna sommando i tempi di entrambe le tappe: Rosetti aveva terminato ottavo la prima, ma il belga Michael Gendebien, vincitore della leg 1, è piuttosto attardato con circa 150 miglia di ritardo dall’italiano.

La classifica verosimilmente verrà sconvolta, e sarà interessante vedere quanto l’italiano riesca a recuperare, al netto di essere già in piena lotta per il podio.

Il suo vantaggio sugli inseguitori è di circa 30 miglia, non poco considerando che i Mini 650 quando vanno veloce superano di poco i 10 nodi e 30 miglia rappresentano oltre 2 ore di vantaggio teorico. La teoria ovviamente andrà tramutata in pratica, e davanti alla prua dell’italiano ci sono ancora 900 miglia insidiose da coprire.

Rosetti può fare pochi calcoli, anche perché da regolamento non è dato agli skipper conoscere la posizione gps degli altri concorrenti ma solo le miglia che ad ognuno mancano rispetto al traguardo.

Impossibile per il leader fare quindi veri ragionamenti sulla classifica, ma dovrà solo spingere la barca al massimo e continuare a posizionarsi al meglio in base al proprio intuito.

Gli altri italiani in gara sono Alessandro Torresani, al momento 21mo, e Francesco Farci 42mo.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
Ewol Ewol Ewol
PUBBLICITÀ