SVN logo

Mondiale Moth: in 138 sul Garda, è dominio Australia

Da tutto il mondo in 138 a Malcesine sul Garda per le regate del Mondiale Moth, gli australiani con Tom Slingsby fanno la voce grossa, ma c’è anche tanta Italia

Abbonamenti SVN
ADV
Ha preso il via il 2 settembre a Malcesine, sul Lago di Garda, il Campionato del Mondo della classe Moth, da molti considerata come la barca foil propedeutica per la Coppa America. Sul Garda è arrivato il meglio della vela internazionale, con molti volti noti del mondo America’s Cup. Sono ben 138 i velisti, 17 gli italiani, che si stanno giocando il titolo iridato, con un livello della classe forse mai così alto. Tanta Italia ovviamente in acqua, come il timoniere di Luna Rossa Francesco Bruni, ma non poteva mancare l’appuntamento nelle acque di casa il trentino oro olimpico Ruggero Tita.

Il Garda ha regalato, oltre alle sue tipiche condizioni di brezza tesa, anche un’insolita, per la stagione, situazione di vento leggero che ha reso le cose più complicate al Comitato di Regata e agli atleti.

In classifica è dominio australiano, con la stella olimpica e della Coppa America, Tom Slingsby, in versione “Monstro”: il suo score che non ammette repliche e fa segnare tutte vittorie e un secondo posto che valgono ben 11 punti di vantaggio sul connazionale Iain Jensen e addirittura 22 sull’altro aussie Nathan Outteridge.

Il primo italiano è Ruggero Tita, sesto, ma ancora con vista podio dato che il bronzo è distante al momento appena 5 punti. Si regata fino al 7 settembre, l’oro sembra ormai salvo clamorosi colpi di scena destinato a Slingsby, ma il resto della classifica resta aperta.

I numeri, e la qualità, del Mondiale Moth di Malcesine confermano quanto questa sia la barca del momento da un punto di vista tecnico per i velisti di alto livello e non solo, dato che in regata ci sono anche tantissimi amatori non professionisti.

Il Moth


Il Moth è una barca da singolo, dotata di deriva (foil) a T centrale, basata su una box rules che ne prevede la lunghezza e la larghezza massima oltre che una serie di parametri tecnici. Ogni progettista, un po’ come avviene in Coppa America, può disegnare il Moth che vuole, basta che rientri nel pacchetto di regole di stazza.

© Riproduzione riservata