SVN logo

Nave da guerra corre per 500 miglia per salvare naufraghi in Atlantico

Un 60 piedi con equipaggio inglese si scontra con un’onda anomala e perde l’albero, in salvo 14 persone

Abbonamenti SVN
ADV
Atlantico – Il Clyde Challenger, un 60 piedi della Clipper Race a 600 miglia da costa, in Atlantico si è scontrato con un’onda anomala che ha provocato la rottura dell’albero. La barca, con 14 membri dell’equipaggio, è andata alla deriva per 48 ore per poi essere raggiunta da un cacciatorpediniere della marina inglese che è riuscita a trarre in salvo le persone naufragate.

Il Clyde Challenger stava traversando l’Atlantico diretto verso le coste inglesi quando, in una situazione di mare agitato, si è scontrato con un’onda anomala che, come detto dallo skipper Roy Graham, “viaggiava in senso contrario alle altre onde.

"L’onda ci ha colpito e ci ha rovesciato, l’albero è andato a finire in acqua e si è spezzato all’altezza del ponte," spiega Graham.

L’equipaggio, composto da 14 persone, tredici inglesi e un americano, ha tagliato velocemente tutte le sartie e si è liberato dell’albero mettendo in sicurezza la barca che, fortunatamente, non aveva riportato seri danni.

Lanciato il mayday, il centro di soccorso che controlla l’area ha inviato un C 130 della US Navy che ha individuato la barca alla deriva. A quel punto è stato chiesto a una nave mercantile di cambiare rotta per raggiungere i naufraghi, ma questa era molto lontana, la stessa richiesta è stata fatta al cacciatorpediniere HMS Dragon, una nave da guerra Type 45, una delle navi più moderne della marina inglese.

I’HMS Dragon ha viaggiato per 500 miglia a 30 nodi di velocità per raggiungere nel tardo pomeriggio del secondo giorno dal naufragio il Clyde Challenger.

I militari hanno messo a mare due grandi gommoni con i quali hanno recuperato tutte e 14 le persone a bordo che erano in buone condizioni di salute.

Un sottoufficiali addetto al recupero ha dichiarato:”Quando siamo arrivati abbiamo trovato la barca alla deriva senza albero. Avevamo solo 3 ore di tempo per portare in salvo l’equipaggio prima che facesse notte, così, una volta manovrato, abbiamo messo in mare entrambi i gommoni di cui è dotato l’HMS Dragon e siamo andati a prenderli. Non è stato semplice a causa delle onde che erano ancora abbastanza alte, ma ce l’abbiamo fatta senza che nessuno si sia fatto male.