SVN logo

Soldini è partito

E’ partito ieri sera intorno alle 18 da New York Giovanni Soldini con Maserati per tentare il record New York – San Francisco

Abbonamenti SVN
ADV
New York - Dopo aver atteso diverso tempo, e aver stabilito diverse date che le condizioni meteo si sono sempre incaricate di smentire, finalmente Giovanni Soldini e i suoi ragazzi sono partiti alla volta di San Francisco, una partenza col botto, quello dello champagne che hanno stappato a mezzanotte mentre Maserati viaggiava a quasi 30 nodi di velocità.

La missione di Soldini è quella di battere il record stabilito da Yves Parlier a bordo di Aquitaine Innovations con 57 giorni, 3 ore, 2 minuti nel lontano 1998, quindici anni fa. Maserati navigherà lungo le coste del sud America sino a Capo Horn, girato il capo risalirà le coste del Cile per raggiungere il centro America e poi la baia di San Francisco.

Maserati è un VOR 70 che prese parte alla Volvo Ocean race del 2008-2009. La barca ha chiglia basculante e derive laterali. A bordo nove persone d’equipaggio, tutte italiane, incluso Giovanni Soldini.

Dalla sua Giovanni ha una barca che per quanto un po’ datata appartiene comunque a un paio di generazioni avanti a quella che usò Yves Parlier nel 1998. Solo il fatto di avere la chiglia basculante rappresenta una grande differenza come stiamo vedendo in questi giorni con la barca di Alessandro di Benedetto nella Vendée Globe che appartenendo alla stessa generazione di Aquitanie non ha alcuna chance di riuscire a stare al passo con le altre.

Inoltre, a fare la differenza sono le possibilità offerte dalla meteorologia che oggi sono enormemente maggiori di quelle di 15 anni fa. Per questo record Soldini ha potuto aspettare comodamente in porto il momento migliore scelto su di una previsione che è certa per i primi quattro giorni e molto probabile per i successivi sette, otto giorni.

Le difficoltà di questa rotta si concentrano su Capo Horn, difficoltà acuite dal senso di navigazione da ovest verso est, ovvero in senso contrario ai venti e alle correnti dominanti in quella zona.


© Riproduzione riservata