SVN logo
SVN solovelanet
mercoledì 25 novembre 2020

Rodeo in porto per fermare una barca impazzita

Due uomini di Gallipoli devono la vita a due poliziotti del reparto della polizia nautica

Abbonamenti SVN
ADV
Gallipoli – Ieri mattina una motovedetta della polizia con due agenti a bordo stava pattugliando le acque antistanti il porto di Gallipoli nell’ambito di un azione di prevenzione alla pesca di frodo, quando hanno visto una barca sospetta che stava rientrando verso il porto.

Alla vista della motovedetta gli uomini dell’imbarcazione sospetta hanno virato bruscamente per fuggire, ma, nel farlo, sono stati sbalzati fuori dalla barca che ha continuato a girare su se stessa.

La motovedetta è andata immediatamente in soccorso dei due pescatori. Di questi, uno era fuori dalla portata delle eliche del mezzo che continuava a girare su se stesso, mentre l’altro gli era molto vicino e non riusciva ad allontanarsi. Il primo uomo dava segni di non riuscire più a tenersi a galla, mentre il secondo rischiava di essere colpito dalle eliche da un momento all’altro.

Decidere chi salvare per primo non è stato semplice. Alla fine gli agenti hanno deciso d’intervenire da prima sull’uomo più distante che sembrava essere in procinto di affogare, quindi hanno raggiunto il secondo.

Per trarre in salvo questo, bisognava prima fermare la barca e per farlo gli agenti hanno adottato la tecnica del rodeo. Hanno iniziato a girare affianco alla barca impazzita, sin tanto che uno dei due poliziotti non è riuscito a saltare a bordo della piccola barca e fermarla. A quel punto i soccorritori hanno potuto trarre in salvo il secondo uomo.

I due uomini salvati sono stati condotti all’ospedale di Gallipoli. Una volta ripresi i due naufraghi dovranno spiegare il loro maldestro tentativo di fuga.