SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 26 novembre 2020

Un fiume nero invade Santa Barbara

Emergenza inquinamento sulle coste della California, un oleodotto si rompe e fuoriescono 80.000 litri di petrolio (21.000 galloni)

Abbonamenti SVN
ADV
Una striscia di petrolio lunga oltre sei chilometri e larga una cinquantina di metri ha investito Goleta Beach e la Refugio State Beach, due delle più belle spiagge di Santa Barbara in California.

Ottantamila litri di petrolio fuoriusciti da un condotto che si è rotto. Appena avvenuta la rottura sono partiti tutti gli allarmi, ma tempo che le squadre di pronto intervento e le autorità sono giunte sul posto e sono riuscite a circoscrivere il luogo e riparare la rottura, il danno era fatto.

Le due spiagge, prima famose per essere luoghi incantati, oggi sono strisce nere appiccicaticce e maleodoranti.

I lavori di bonifica sono iniziati immediatamente e affianco alle squadre di vigili del fuoco e della protezione civile, sulla battigia si muovono anche centinaia di comuni cittadini che cercano di dare una mano come possono.

Richard Abrams, responsabile emergenze di Santa Barbara, ha detto che la Guardia Costiera, il Dipartimento Pesca and Fauna stanno monitorando le operazioni di pulizia.

"Non abbiamo rilevato un impatto sulla fauna, ma siccome è in acqua sta sicuramente influenzando l'ambiente" ha detto Abrams. La società che gestisce l'oleodotto, la Plains All American Pipeline, ha detto di aver interrotto il flusso di petrolio dopo la rottura e anche di aver tempestivamente avviato le procedure di emergenza.