SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 30 novembre 2020

Trovato in mare il collirio dei romani

Con tutta probabilità sono di collirio le pastiglie di 2000 anni fa scoperte nel relitto del Pozzino

Abbonamenti SVN
ADV
Baia di Baratti, Toscana - Nella piccola nave romana scoperta negli anni ottanta sul fondo della baia di Baratti in Toscana, è stato ritrovato un contenitore tubolare contenente una serie di pastiglie di circa 4 centimetri di diametro per uno di altezza.

Ora sulla rivista dell’Accademia della Scienza degli Stati Uniti, è apparso un articolo con i risultati delle ricerche sulla natura di quelle pastiglie: potrebbe trattarsi del collirio dei romani.

I ricercatori della Soprintendenza hanno riscontrato, tra le componenti delle pastiglie, ossido di ferro, amido, cera d'api, resina di pino, una miscela di grassi di origine animale e vegetale, resti vegetali come fibre di lino, carbone, amido, cereali, pollini e zinco: «Lo zinco ha alcune proprietà che lo rendono utile ancora oggi in oftalmologia e dermatologia. È probabile che le pastiglie venissero usate per applicazioni esterne sugli occhi» spiega Erika Ribechini del dipartimento di chimica dell'università di Pisa.

Il relitto sul quale è stato trovato il tubetto che ora è esposto al museo archeologico di Piombino, risale a un periodo fra il 140 e il 130 a.C. Si tratta di una piccola nave della lunghezza di circa 15-18 metri e larga circa 3 metri, di cui si è conservata solo la parte centrale. Questa trasportava vasi di Pergamo e anfore di Rodi usate per il vino, lampade di Efeso e brocche, tanto da suggerire che la nave, o almeno una gran parte del suo carico, provenisse dalle coste greche.