mercoledì 7 dicembre 2022
  breaking news

Dufour 530: il coraggio di rispondere alle critiche

Giovanni Tarantino nella Video rubrica ‘Si&No, il contradditorio’ accetta di rispondere alle critiche e per questo viene apprezzato dal pubblico dei velisti

Dufour 530, uno dei modelli più interessanti del cantiere Dufour. Concorrente diretto dell'Oceanis 51.1 della Beneteau, il nostro direttore Maurizio Anzillotti mette queste due barche a confronto con l'aiuto di Giovanni Tarantino della Race Nautica.

Come nelle favole a lieto fine, il coraggio di Giovanni Tarantino, signor Confermo, unico importatore italiano ad aver accettato di partecipare alla video rubrica SI&NO di SVN, lo sta ripagando con il plauso di una buona parte dei velisti italiani per il coraggio dimostrato.

Dai commenti sotto il video dell’ultimo episodio della rubrica di SVN “SI&NO, il contraddittorio”, in cui da una parte il rappresentante di un cantiere elenca i punti positivi della barca oggetto del video da lui commercializzata e dall’altra il nostro direttore, che conduce il programma, gli contrappone gli stessi elementi ma sulle barche della concorrenza, si alza una generale acclamazione per Giovanni Tarantino della Race Nautica, uno dei maggiori importatori della Dufour Yachts in Italia.

Tarantino, sino ad ora, è l’unico imprenditore italiano che senza esitazione ha accettato di partecipare alla rubrica. Il pubblico di SI&NO, che nel giro di due puntate è quasi triplicato, ha riconosciuto nell’ultima puntata dedicata al Dufour 530, attraverso i numerosi commenti, il coraggio di Giovanni Tarantino, apprezzandone la schiettezza e la fede che ripone nel suo prodotto.

Diventato il ‘signor Confermo’ per il suo vezzo di iniziare le sue risposte alle obiezioni del conduttore del video con “Confermo”, Tarantino ha ricevuto critiche da altri importatori che consideravano la rubrica un ottimo modo per non vendere barche.

La redazione di SVN ha invitato a partecipare a SI&NO molti importatori e rappresentanti di cantieri, ma nessuno ha mai accettato. Tutti hanno declinato l’invito considerando la rubrica troppo pericolosa.

Le quasi 70.000 persone che hanno visto la puntata, triplicando il pubblico della prima puntata, dimostra quanto la rubrica possa interessare al mondo dei velisti. Tale attenzione da parte del pubblico è la migliore dimostrazione che i velisti vogliono informazione vera, un’informazione che sia in grado di far vedere i diversi aspetti dello stesso problema.

© Riproduzione riservata

Slam Slam Slam
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

CATEGORIE ARTICOLI